EDITORIA - EVENTI - SERVIZI  DAL 1972 AL SERVIZIO DEL TURISMO PROFESSIONALE

 
HOME > Notizie

Airbus, ordini dimezzati e consegne totali ridotte

11/11/2019 08:52
Per l’anno in corso il costruttore ha abbassato l'obiettivo di consegna mentre arriva un ordine record dal vettore low cost indiano IndiGo

Nei primi nove mesi del 2019 Airbus ha visto dimezzare gli ordini in entrata mentre, d’altro canto, le consegne sono aumentate. Di conseguenza il costruttore ha abbassato l'obiettivo di consegna degli aerei commerciali del 2019 e la configurazione Airbus Cabin Flex dell’Airbus A321neo rimane una questione aperta. Lo afferma AeroTime.

Lo scorso 30 ottobre Airbus ha dichiarato risultati aziendali positivi per i primi nove mesi del 2019. Grazie alle maggiori consegne e ai positivi tassi di cambio, i ricavi consolidati sono aumentati del 14,36% attestandosi a 46,2 miliardi di euro rispetto ai 40,4 miliardi dello stesso periodo 2018. L'Ebit rettificato e l'utile netto sono entrambi aumentati di oltre il 50% per raggiungere rispettivamente 4,31 e 2 miliardi di euro.

Airbus dichiara di aver registrato 127 ordini durante il periodo, contro i 256 dell'anno scorso. Al 30 settembre il portafoglio ordini ammonta così a 7.133 velivoli commerciali. Il 29 ottobre Airbus ha ricevuto un ordine record per 300 aeromobili della famiglia A320, tra cui il nuovo membro della famiglia, l'A321XLR, dal vettore low cost indiano IndiGo.

Finora quest’anno Airbus ha consegnato 571 velivoli commerciali. Sebbene si tratti di un aumento considerevole rispetto all'anno precedente (503 nell'1-3Q 2018), Airbus non prevede di raggiungere l'obiettivo di consegna annuale delineato in precedenza di 880-890 aeromobili, fermandosi a 860.

Ancora sfidante è poi la configurazione Acf (Airbus Cabin Flex) dell’Airbus A321neo. Uno dei motivi, come ha spiegato agli investitori il ceo dell'azienda Guillaume Faury, sono le varie differenze rispetto ai precedenti modelli A321. Tra questi, l'Acf ha una nuova sezione posteriore e una configurazione modificata della portiera del passeggero, in cui viene rimossa la porta situata davanti all'ala e vengono introdotte nuove uscite di emergenza per il superamento nella sezione centrale.

"L'Acf risulta essere più difficile di quanto ci aspettassimo", ha detto agli investitori Faury. “Uno dei motivi è la complessità di Acf, in quanto ha una nuova cabina e una nuova sezione rispetto ai precedenti modelli A321”.
Contemporaneamente al miglioramento della struttura dell'aeromobile, l'azienda sta anche operando sulle prestazioni del suo sistema di produzione, preparandosi ad aumentare la produzione a 63 aerei al mese. Airbus ha presentato l'Acf A321neo all'inizio del 2018 come opzione, con la speranza di renderlo standard per tutti gli A321neos intorno al 2020. Ora, tuttavia, la scadenza sembra essere spostata di un anno, come Faury ha confermato agli investitori.


TAGS

QUESTO ARTICOLO MI FA SENTIRE

COMMENTA

Ultime News

Guarda tutte