EDITORIA - EVENTI - SERVIZI  DAL 1972 AL SERVIZIO DEL TURISMO PROFESSIONALE

 
HOME > Notizie

Viaggi tematici per appassionati, il focus di Utat Viaggi

22/11/2019 12:22
A colloquio con Arianna Pradella, direttore commerciale, che illustra novità e tendenze del prodotto; in crescita la richiesta per gli Stati del Sud

Una programmazione sempre più vasta quella di Utat Viaggi sugli Stati Uniti, che nel 2020 sfiorerà le 300 pagine, delle quali oltre 100 condensate su carta.

“Diamo ampio spazio alle partenze di gruppo (oltre 50 programmi), ai pacchetti in self drive (oltre 70 itinerari), ma i viaggi tematici per appassionati e repeater, cosi come i soggiorni nei ranch, in glamping e in hotels storici hanno sempre più spazio”. A parlare è Arianna Pradella, direttore commerciale di Utat Viaggi, che ne motiva la ragione parlando della volontà di “creare un prodotto che sia innovativo, al passo con i tempi e con la domanda”. E in questo contesto si inserisce l’offerta degli Stati del Sud, che “sono una parte degli Usa molto adatta e molto spendibile per questo tipo di programmazione”. Un bilancio che dà gia risultati concreti: “Le vendite sono in crescita e le richieste sono sempre più evolute, sofisticate, e sono per noi che facciamo del tailor made artigianale una bandiera assoluta, una vera manna e un banco di prova notevole”.

Il focus sui viaggi tematici per appassionati ha portato l’operatore, esaurita la costa Est, e poi la costa Ovest e i parchi a concentrarsi su “tutta una vasta prateria di prodotto più specializzato, più segmentato, che i veri appassionati cercano. E in questo, un operatore di dimensione media, di stampo artigianale, con personale competente e flessibile, è decisamente vincente rispetto a realtà più grandi”.

Le novità della programmazione 2020 riguardano un’intera sezione del catalogo dedicata al 400esimo anniversario dallo sbarco dei Padri Pellegrini a Plymouth in Massachusetts. E visto che Stati come il Missouri e l'Arkansas, che offrono molto sul fronte culturale e naturalistico, non sono ancora inseriti in programmazione, il prossimo Travel South a Saint Louis rappresenterà un’occasione di approfondimento per il t.o.

Parlando poi dell’attuale situazione voli, Pradella parla di una tendenza ad avere dei riferimenti specifici “che si mantengono abbastanza fissi e inalterati nel tempo, senza per questo perdere di vista le molte novità e new entries”.

Laura Dominici


TAGS

QUESTO ARTICOLO MI FA SENTIRE

COMMENTA

Ultime News

Guarda tutte