EDITORIA - EVENTI - SERVIZI  DAL 1972 AL SERVIZIO DEL TURISMO PROFESSIONALE

 
HOME > Notizie

Aci Europe, traffico passeggeri al +2,1%

17/12/2019 14:54
A guidare la crescita il mercato non Ue

Aci Europe ha rilasciato il suo ultimo rapporto sul traffico aereo per ottobre 2019. Il traffico passeggeri nella rete aeroportuale europea è aumentato del 2,1% a ottobre. Anche se solo di poco superiore a settembre (+2,2%), questo risultato segna la performance mensile più debole finora del 2019.

L'aumento del traffico passeggeri europeo è stato in gran parte guidato dagli aeroporti non Ue con un +4,6%, un miglioramento rispetto a settembre (+3%). Tale performance ha rispecchiato gli aumenti a doppia cifra negli aeroporti di Ucraina, Montenegro, Macedonia del Nord, Albania, Bosnia Erzegovina, Serbia, Israele e Armenia - nonché la crescita (sebbene più moderata) negli scali di Russia, Moldavia e Turchia. Al contrario, il traffico passeggeri ha continuato a diminuire in Islanda in seguito al fallimento di Wow la scorsa primavera, con l'aeroporto di Keflavik in forte calo (-34,6%). Anche gli scali in Svizzera e Georgia hanno registrato una riduzione (molto più contenuta) del traffico passeggeri, mentre gli aeroporti norvegesi hanno registrato una crescita debole.

Di conseguenza, le migliori prestazioni del traffico passeggeri sono arrivate dalla seguenti destinazioni e dai maggiori aeroporti extra-Ue: Kiev-Boryspil (+22,3%), Tirana (+20%), Tel Aviv (+15%), Antalya (+14,8%), Yerevan (+14,8%), Sarajevo (+14,3%), Mosca-Vnukovo (+14,2%), Belgrado (+13,5%) e Skopje (+13,1%).

La crescita del traffico passeggeri negli aeroporti dell'Ue ha continuato a essere moderata ad ottobre, aumentando solo dell’1,3% (in calo rispetto al  +2% del mese precedente).

Ciò riflette il fatto che le compagnie aeree hanno generalmente limitato l’espansione della capacità,oltre all'impatto del crollo dello scorso settembre di Aigle Azur, Xl Airways, Adria Airways e Thomas Cook. Questi fallimenti delle compagnie aeree hanno colpito in particolare Lubiana (-38,5%), East Midlands (-13,9%), Glasgow (-13%), Parigi-Orly (-12,4%), Newcastle (-7,5%) Birmingham (-3,6%) e gli aeroporti che servono le isole Canarie (-6% collettivamente per Las Palmas, Tenerife Nord, Tenerife Sud, Fuerteventura e Lanzarote).

La Polonia, l'Estonia e la Croazia sono stati gli unici mercati dell'Ue in cui gli aeroporti hanno registrato aumenti a due cifre del traffico passeggeri, con gli scali in Ungheria, Austria, Repubblica Ceca, Lussemburgo, Malta, Lettonia e Lituania che hanno registrato una crescita dinamica. A parte la Slovenia, gli aeroporti del Regno Unito, Germania, Svezia, Slovacchia e Bulgaria hanno registrato perdite del traffico passeggeri, mentre quelli in Francia, Paesi Bassi e Danimarca hanno registrato solo guadagni marginali.

I maggiori aumenti dei volumi di passeggeri sono stati Tallinn (+11,2%), Vienna (+10,2%), Budapest (+9,8%), Lussemburgo (+9,7%), Riga (+9,3%) , Malta (+8,6%), Londra-Luton (+8,4%), Varsavia (+8,2%) e Praga (+8,1%).

Il traffico passeggeri  nei primi 5 aeroporti europei ad ottobre è stato appena sotto la media del settore a +1,8%, in leggero miglioramento rispetto al mese precedente (+1,2%). Paris-Cdg ha conseguito ancora una volta la migliore performance (+4,1%), seguito da vicino da Istanbul (+3,3%) le cui prestazioni sono migliorate rispetto a settembre. Francoforte (+1%), Londra-Heathrow (+0,5%) e Amsterdam-Schiphol (+ 0,3%) sono cresciute a un ritmo più lento.

Nel frattempo, le performance degli aeroporti regionali più piccoli (meno di 5 milioni di passeggeri) hanno continuato a peggiorare al -1,3% (da -0,7% a settembre). Il 54% di loro ha perso traffico passeggeri durante il mese di ottobre, rispetto al 33% del resto del settore aeroportuale.

Tra gli aeroporti regionali più piccoli, i maggiori aumenti sono stati  Kharkiv (+69,6%), Kutaisi (+44,6%), Nis (+43,9%), Zadar (+41,8%), Turku (+38,3%), Tivat (+33,1 %), Memmingerberg (+25%) e Dubrovnik (+22,7%). Tra i più grandi (oltre 5 milioni di passeggeri), Cracovia (+30,4%), Siviglia (+14,8%) e Bordeaux (+14,3%) sono arrivati al primo posto.


TAGS

QUESTO ARTICOLO MI FA SENTIRE

COMMENTA

Ultime News

Guarda tutte
Registrati

Follow Us