EDITORIA - EVENTI - SERVIZI  DAL 1972 AL SERVIZIO DEL TURISMO PROFESSIONALE

 
HOME > Notizie

Per Alitalia una newco modello Blue Panorama

08/01/2020 11:37
Il piano di Leogrande: senza cessione entro giugno inevitabile lo spezzatino. Battisti, Fs: "Noi non eravamo intenzionati a prendere la maggioranza nella compagnia"

Una newco e tempi di vendita più lunghi: è quanto si profila per Alitalia. La newco sarebbe una nuova compagnia con minori pesi e minore personale, più attraente per potenziali compratori, che verrebbe creata dal commissario se entro il 31 maggio non sarà stato possibile trovare un compratore. Il commissario Giuseppe Leogrande lo ha spiegato ieri alla Commissione Trasporti della Camera, annunciando la nomina del nuovo direttore generale Giancarlo Zeni. Il manager avrà un compenso di 250mila euro lordi annui, lo stesso che in Blue Panorama, ha detto il commissario. "Insieme a Zeni e a qualche altra risorsa che proveremo ad aggregare a questo gruppo e agli attuali manager nelle prossime settimane metteremo mano al nuovo piano industriale", che dovrà indicare misure di riorganizzazione e di effcientamento.

"Alitalia ha bruciato in questo periodo di amministrazione circa 300 milioni all'anno", ha affermato Leogrande, precisando che mancano ancora i dati dell'ultimo periodo. "Difficile pensare che nel medio periodo Alitalia non possa far parte di un polo aggregativo", ha affermato il commissario Leogrande, confermando che "il mondo dell'aviazione civile vive un processo di aggregazione inesorabile". Poi, ha aggiunto che "non bisogna avere preclusioni, l'importante è perseguire come obiettivi la salvaguardia dei livelli occupazionali".

"Oggi abbiamo saputo che Lufthansa è molto fredda. Sappiamo le problematiche intorno ad Atlantia. E' chiaro che o il mercato riparte con un impegno di Ferrovie dello Stato e di Delta oppure..." è impossibile vendere. Secondo Leogrande "ci sono solo due modi per uscire dalla procedura di vendita in cui è Alitalia: o con la vendita a terzi oppure con il conferimento alla newco". Questa seconda strada "è stata seguita in Blue Panorama".

"Il 31 ottobre abbiamo presentato una proposta di offerta d'acquisto per i rami di Alitalia, un'offerta condizionata ad alcune condizioni che noi ritenevamo imprescindibili". Lo ha detto l'a.d. di Fs, Gianfranco Battisti, in audizione alla Commissione Trasporti della Camera, spiegando che l'offerta era condizionata, ad esempio, "all'individuazione di più investitori". Battisti ha quindi sottolineato che "non eravamo intenzionati a prendere la maggioranza nella compagnia", riporta Ansa.

"Oltre ai vettori aerei - ha dichiarato - abbiamo contattato circa 30 soggetti finanziari attraverso i nostri advisor. Tuttavia non abbiamo avuto riscontri positivi: non hanno manifestato interesse concreto alla partecipazione in Alitalia". Lufthansa, poi, non ha mai risposto formalmente a nessuna iniziativa che avevamo richiesto", ha precisato Battisti, spiegando invece che all'inizio "easyJet e Delta hanno manifestato un'adesione formale" al progetto. Poi easyJet si è ritirata, ha aggiunto.

"Delta è rimasto l'unico interlocutore interessato a partecipare all'operazione anche in termini di equity e ha confermato la disponibilità di investire in equity con 100 milioni di euro nella nuova Alitalia ma soprattutto ad apportare nuove competenze industriali", ha spiegato Battisti. "Tale contributo commerciale quindi non era limitato ai 100 milioni dell'equity iniziale ma era, in maniera più complessiva, allargato a una valorizzazione che abbiamo stimato in 240 milioni, per un valore complessivo nel periodo di 4 anni di piano di 340 milioni", ha illustrato l'a.d di Fs.

"E' emerso in maniera evidente", ha dichiarato ancora Battisti, che l'ingresso di Atlantia nel piano di rilancio di Alitalia "fosse condizionato alla risoluzione di altre vicende" nel loro gruppo. Quindi ha raccontato che è stata proprio Atlantia a ritirare in ballo Lufthansa: "Atlantia ad un certo punto delle negoziazioni, ritenendo che Delta non desse un impegno particolarmente forte, ha detto perché non riproviamo con Lufthansa?". "Noi non abbiamo avuto ruolo" sulla nomina del nuovo commissario straordinario di Alitalia Giuseppe Leogrande, ha infine assicurato l'a.d. di Fs.


TAGS

QUESTO ARTICOLO MI FA SENTIRE

COMMENTA

Ultime News

Guarda tutte
Registrati

Follow Us