EDITORIA - EVENTI - SERVIZI  DAL 1972 AL SERVIZIO DEL TURISMO PROFESSIONALE

 
HOME > Notizie

Azimut Tour Operator: la strategia b2b porta risultati

21/01/2020 10:42
Tra gli strumenti il catalogo multimediale tradotto in 7 lingue e destinato a più di 70 Paesi e il blocco dei prezzi già attuato con la prima edizione

Azimut Tour Operator & Dmc si prepara a partecipare a Bit. Una presenza che coincide con la stagione di cambiamento in corso per la Dmc che opera nel turismo inbound in Italia e San Marino. Una stagione che ha visto di recente l’acquisizione di nuove quote sul mercato, sottolinea una nota dell'operatore, soprattutto, ha evidenziato la necessità di rispondere ad incalzanti opportunità che il mercato propone, con un focus sul settore b2b.

"I risultati che emergono parlano chiaro - fa sapere il tour operator - vendite top attraverso il sito b2b tanto da prevedere presto un'acquisizione oppure la formazione di una nuova piattaforma, che consentirà rapide e più complete integrazioni di prodotto con i fornitori e un pari vantaggio di interazione online con le agenzie e i tour operator internazionali". 

L’efficienza operativa indotta dalle scelte tecnologiche e organizzative ha consentito di focalizzare al meglio l’attenzione sui servizi a valore aggiunto da parte dei consulenti di viaggio interni, di fatto dei travel designer in grado di rispondere alle richieste tailor made, prodotto di punta in Azimut, che sempre più frequentemente arrivano dagli operatori di ogni parte del mondo. Ne è una conferma il raddoppio del fatturato.

Tra gli strumenti messi sul piatto il catalogo multimediale tradotto in 7 lingue e destinato a più di 70 Paesi. Il tutto sviluppato dal nuovo management, il blocco dei prezzi già attuato con la prima edizione del catalogo 2018/2020 che stavolta sarà 2021/2022. Completamente rinnovato, avrà nuove proposte di escorted tour, sightseeing ed escursioni e la novità di "una gratuita ogni 15 paganti per ogni serie di gruppi che avrà il minimo contingente delle 8 settimane consecutive".

“È stato un anno molto impegnativo – ha detto Luca Ruco, ceo di Azimut Tour Operator & Dmc – fatto di scelte e decisioni anche rischiose, ma mai avventate, che stanno portando i risultati attesi. Abbiamo posto tutte le basi per garantire, non solo ai nostri investitori, ma anche a tutto il mercato dei clienti e dei fornitori, un’azienda e un business sostenibili: è ormai chiaro a tutti, infatti, come la sostenibilità tecnologica e commerciale, ma anche economica e finanziaria, debba essere tenuta presente sempre, meglio se in modo preventivo”.

Per la stagione 2020 il tour operator riconferma un aumento di fatturato che oggi conta già un 27%. Le attese sono che possa raddoppiare "da qui a fine anno perché attendiamo una riscossa dei mercati che quest’anno si sono dimostrati meno vivaci, come alcuni Paesi del Sud America, ma anche il consolidamento della crescita del Middle East e sopratutto dell’Australia, che rappresentano sempre una garanzia, e dei mercati di lingua russa, tornati a essere protagonisti dopo il riposizionamento dell’offerta su prodotti a maggior valore aggiunto".


TAGS

QUESTO ARTICOLO MI FA SENTIRE

COMMENTA

Ultime News

Guarda tutte
Registrati

Follow Us