EDITORIA - EVENTI - SERVIZI  DAL 1972 AL SERVIZIO DEL TURISMO PROFESSIONALE

 
HOME > Notizie

Italia-Cina, a Fco il convegno sul turismo

23/01/2020 17:30
Confermato l'evento quale segnale positivo a fronte delle notizie sui contagi del virus. Il turismo tra Italia e Cina cresce e nell'anno in corso si raddoppieranno i collegamenti aerei - di Annarosa Toso

Si è svolto a Fiumicino, in occasione del Capodanno cinese, il convegno sulle “Opportunità e prospettive per il turismo Italia /Cina” nel corso del quale sono stati evidenziati i risultati ottenuti nel 2019 e le prospettive per l'anno in corso. Ha moderato i lavori Fausto Palombelli, chief commercial officer di Aeroporti di Roma, che ha confermato lo svolgimento del convegno quale segnale positivo a fronte delle notizie sui contagi del coronavirus nCoV. “Oggi si festeggia il Capodanno cinese e i 50 anni di relazioni Italia Cina. Il 13 gennaio scorso a Pechino – ha rimarcato il manager – sono stati perfezionati gli accordi aeronautici tra i due paesi, superando i vincoli delle 56 frequenze settimanale che arriveranno a 108 nel 2020 e che aumenteranno ancora di 24 nel 2021. I passeggeri da e per la Cina sono cresciuti nel 2019 del 17% rispetto al 2018, pari a oltre 900 mila. Ci aspettiamo, nell'anno in corso di superare il milione”.

L'assessore al turismo e commercio di Roma capitale Carlo Cafarotti, ha evidenziato che la città di Roma ha ideato un pacchetto di iniziative pensate ad hoc per i visitatori del paese del dragone, da un canale Wechat dedicato ai turisti cinesi, ai corsi di formazione per gli albergatori”.
Per Maria Elena Rossi, direttore marketing di Enit il mercato cinese è in aumento grazie anche ai numerosi voli diretti su Roma. “Oggi molti turisti cinesi arrivano singolarmente e non in gruppo, Altri arrivano tramite diversi hub europei e sono turisti che non riusciamo a intercettare. Come Enit abbiamo investito molto su questo mercato sia incrementando le nostre presenze alle fiere in Cina, ma anche nelle più importanti europee. Inoltre – ha precisato la manager - l'Enit da tempo investe sul lusso e sul Mice, sapendo che quei mercati in Cina sono in forte espansione”.

Zhang Aisham, direttore dell'Ufficio consolare dell'ambasciata cinese a Roma ha assicurato lo snellimento delle operazioni per la concessione del visto per gli italiani che vogliono recarsi in Cina. “Lo stesso sta accadendo nei nostri uffici in Cina per chi vuole venire in Italia; accelerare e semplificare. Noi siamo un punto di riferimento per i nostri concittadini che vengono a visitare Roma e l'Italia e siamo di supporto anche per gli inconvenienti che possono capitare come, purtroppo, i numerosi furti dei documenti ed altro. Invito la città di Roma migliorare non solo i servizi ma anche la sicurezza”.

Laura Mazzola, responsabile commerciale di Mice e Dmc Uvet Events ha confermato che il trend che si sta presentando per l'anno in corso per il settore business è buono e coinvolge la fascia più dispendiosa del turismo. “E' necessario migliorare la conoscenza delle lingue, non solo quella italiana, ma anche l'inglese, che molti cinesi non conoscono”.

Andrea Canepa, nuovo segretario generale della Fiavet, ha rimarcato che gli italiani che si recano ogni anno in Cina, circa 260.000 sono pochi e inferiori alle attese. “La Fiavet sta lavorando con il trade invitando a individuare nuovi itinerari che non siano i classici. In Cina sono pochissimi i turisti repeaters. La Fiavet – ha concluso - si è fatta carico per incrementare l'attività di promozione della Cina. In calendario un fam trip con agenzie selezionate e delegazioni specializzate nei rapporti e nelle attività turistiche in Cina”.

Annarosa Toso 


TAGS

QUESTO ARTICOLO MI FA SENTIRE

COMMENTA

Ultime News

Guarda tutte
Registrati

Follow Us