EDITORIA - EVENTI - SERVIZI  DAL 1972 AL SERVIZIO DEL TURISMO PROFESSIONALE

 
HOME > Notizie

La promozione ha fatto bene alla Liguria

17/02/2020 11:30
Un lavoro di comunicazione all'estero per convincere che il territorio, malgrado le ferite, è pronto a ricevere i turisti. Il commento dell'assessore regionale al Turismo Giovanni Barrino - di Annarosa Toso


“Se la Liguria non ha bisogno di overtourism, necessita invece di un turismo sostenibile e destagionalizzato, forte dei suoi record come aver ottenuto 29 bandiere blu. La Liguria ferita non solo dalla caduta del ponte, ma da una serie di condizioni atmosferiche pessime, è riuscita lo scorso anno a chiudere la stagione con gli stessi numeri dell'anno precedente”. A parlare l'assessore al Turismo della Regione Liguria Giovanni Barrino, che ha confermato che il primo mercato estero per arrivi si conferma la Francia mentre il primo per presenze è la Germania.

“Avere investito sulla comunicazione è stato premiante. A fronte di un maggio che è stato pessimo non solo per la Liguria ma per tutto il territorio nazionale, agli strascichi dei danni fatti dalla mareggiata che ha danneggiato Portofino e Santa Margherita a fine 2018, alla tragedia del ponte Morandi, alle strade interrotte, avere chiuso il 2019 in parità rispetto all'anno precedente è stato un successo. Abbiamo comunicato tanto. Anche se sappiamo che gli effetti della comunicazione non sono immediati ma hanno bisogno di tempo. E siamo soddisfatti dei risultati delle nostre campagne di promozione e di destagionalizzazione, quali il mare verde di Liguria dedicato alla bellezza del nostro entroterra, o quella dedicata alle nostre eccellenze enogastronomiche come gli oli e i vini. Avere fatto workshop in giro per l'Europa, invitato gli operatori esteri a conoscere il territorio, tutto ciò ha contribuito alla convinzione che la Liguria non solo ha tutti i numeri per ospitare al meglio i turisti, ma che era comunque raggiungibile e non isolata dal mondo. E siamo stati premiati anche dai turisti russi che sono cresciuti del 15% in alcune zone come Sanremo o come il Tigullio; c'è stato un aumento degli Stati Uniti e da settembre a dicembre abbiamo avuto il grande ritorno degli svizzeri che mancavano da un po' dal nostro territorio”.  

Importante il segmento senior che è aumentato del 32% nel 2018 e che nel 2019 dovrebbe confermare lo stesso trend di crescita. “Il turismo senior è molto importante per noi e sta a significare che la Liguria è in gradi di offrire un'alta qualità dei servizi come quella cercata dal turismo silver”.

L'assessore ha sottolineato che la Liguria deve lavorare ancora molto per rinnovare le strutture alberghiere e migliorare la formazione. Per quanto riguarda gli arrivi la Liguria non beneficia solo dall'aeroporto di Genova, ma da quello di  Nizza per la riviera di Ponente e da Pisa per il Levante. “Genova - ha concluso l'assessore - è l'aeroporto italiano che nel 2019 è cresciuto maggiormente”.

Annarosa Toso

 


TAGS

QUESTO ARTICOLO MI FA SENTIRE

COMMENTA

Ultime News

Guarda tutte
Registrati

Follow Us