EDITORIA - EVENTI - SERVIZI  DAL 1972 AL SERVIZIO DEL TURISMO PROFESSIONALE

 
HOME > Notizie

Da Travalyst linee guida per la sostenibilità

25/02/2020 15:00
Elaborato il punto di partenza per aiutare i viaggiatori a scegliere l’opzione migliore per proteggere animali, comunità e ambiente

Travalyst, la partnership globale della quale fanno parte anche Booking.com, Skyscanner, Tripadvisor, Trip.com e Visa, ha annunciato la messa a punto della bozza di alcune linee guida da utilizzare come riferimento nella valutazione di alcuni interventi e azioni di settore, incentrati sulla sostenibilità. Le linee guida per strutture ricettive, trasporto aereo ed esperienze sono state sviluppate a partire da standard già esistenti, con l’obiettivo di renderle di più immediata comprensione per clienti e business, e poterle applicare a un gruppo ancora più ampio di provider di servizi nel settore dei viaggi.

Queste linee guida serviranno come base per un eventuale sistema di punteggi, che sarà unico e riconoscibile su tutte le piattaforme. L’obiettivo è quello di mettere in evidenza i provider che hanno già adottato pratiche ecosostenibili e che offrono ai viaggiatori opzioni di viaggio eco-friendly facili e intuitive, con impatto ridotto e benefici ben evidenti sulla comunità, sulla fauna e sull’ambiente. L’utilizzo di queste linee guida servirà anche da incoraggiamento per il resto del settore, con uno scambio continuo di feedback per migliorare costantemente.

Travalyst è partito da standard, iniziative e indicazioni già esistenti per specifiche destinazioni e tipologie di viaggio, per creare un modello unico e un sistema universale, applicabile a tutti i provider di servizi nel settore dei viaggi.

Booking.com entra in gioco per quanto riguarda le strutture ricettive: l’obiettivo sarà quello di cercare soluzioni concrete per avere un impatto certo e significativo. Dalla gestione dei rifiuti e dell’acqua, al risparmio e all’approvvigionamento di energia, fino a iniziative per il rispetto dell’ambiente e a favore della comunità locale, l’obiettivo sarà quello di far sì che l’attenzione sia concentrata su tutte le tipologie e non solo sugli hotel tradizionali. Allo stesso tempo, questa iniziativa mira a riconoscere il valore e il successo delle soluzioni già esistenti, per esempio le certificazioni già ottenute dalle strutture, ormai standard e punto di riferimento che aiuteranno nella messa a punto del nuovo sistema proposto.

“Grazie alle nostre ricerche, sappiamo che l’82% delle strutture ricettive sono interessate a collaborare con noi sul tema della sostenibilità, e che l’87% dei viaggiatori a livello globale pensa sia importante considerare alternative eco-friendly per il soggiorno” dichiara Gillian Tans, chairwoman di Booking.com. “Nonostante l’interesse sia forte da entrambi i lati, la maggior parte dei clienti non sa da dove iniziare. Circa il 70% ha indicato come preferirebbe prenotare una struttura eco-friendly, ma il 72% non sapeva dell’esistenza delle ecoetichette. Si tratta sicuramente di una grande opportunità, che possiamo sfruttare insieme a Travalyst per aiutare una fetta ancora più ampia di partner a mettere in primo piano i loro sforzi in termini di rispetto dell’ambiente e sostenibilità, così che i viaggiatori possano trovare e prenotare le loro strutture”.

Per quanto riguarda il trasporto aereo, Skyscanner ha portato avanti l’idea di indicare in modo più trasparente le emissioni di CO2 per ciascun volo, cercando anche di evidenziare l’impegno delle singole compagnie in materia di ecosostenibilità. Tripadvisor si è impegnato a definire le linee guida per le esperienze, un settore vastissimo che spazia da parchi tematici famosissimi al piccolo tour operator indipendente. L’obiettivo è quello di personalizzare e stabilire i criteri in modo puntuale e specifico, sempre però fornendo linee guida generali per la valutazione ed eventualmente l’assegnazione del punteggio.

Queste indicazioni per strutture ricettive, trasporto aereo ed esperienze passeranno per una prima valutazione, tra tavole rotonde e conversazioni con le figure chiave del settore. Nei prossimi mesi è previsto il lancio di una sorta di pilot, per raccogliere dati e feedback da parte dei provider di servizi e iniziare a testare come il sistema e i punteggi potrebbero essere mostrati agli utenti sulle varie piattaforme partecipanti al progetto.


TAGS

QUESTO ARTICOLO MI FA SENTIRE

COMMENTA

Ultime News

Guarda tutte
Registrati

Follow Us