EDITORIA - EVENTI - SERVIZI  DAL 1972 AL SERVIZIO DEL TURISMO PROFESSIONALE

 
HOME > Notizie

Il risiko dei cieli italiani, tra conferme e cancellazioni

02/03/2020 08:38
Le scelte dei vettori nei giorni dell'allarme Coronavirus: interessati soprattutto gli scali milanesi e del Nord Italia. Collegamenti confermati - salvo qualche eccezione - per il resto del Paese

I voli aerei da e verso l'Italia in altalena, nei giorni del Coronavirus, tra cancellazioni, riduzioni e conferme dei piani di volo. Ad oggi il panorama del settore è alquanto composito, con le compagnie che oscillano tra una politica di cancellazioni dall'intero Belpaese a un'analisi caso per caso, seguendo da vicino gli sviluppi del contagio e adeguando la capacità alla domanda. E’ il caso di Air France, che ha deciso di adattare il numero dei voli sulle varie destinazioni – Milano compresa - in base ai forward booking. “Se i voli dovessero essere vuoti, potremmo cancellarne qualcuno, ma non abbiamo al momento cancellazioni programmate”, ci spiegano dalla compagnia francese.

Diverso il caso di Lufthansa, che ha deciso di cancellare fino al 25% dei suoi voli sul corto e medio raggio, “a seconda dei futuri sviluppi dell’estensione del Coronavirus”. Il vettore tedesco ha tagliato – per le prossime settimane – anche i voli a lungo raggio: quelli non operativi saliranno da 13 a 23.

E poi c'è Alitalia, che ha deciso di cancellare - secondo uno studio del Corriere della Sera - almeno un centinaio di voli al giorno per tutto marzo, pari al 20% dei collegamenti complessivi: coinvolte 38 rotte, delle quali 24 sono nazionali, 9 internazionali (Europa, Medio Oriente) e 5 intercontinentali. Le modifiche riguardano quasi sempre le tratte da/per Roma Fiumicino e Milano Linate. 

E se nei giorni scorsi erano già state ufficializzate le cancellazioni dei voli verso il Nord Italia di British Airways, easyJet e Brussels, nelle ultime ore è stata la volta delle compagnie statunitensi. Se American Airlines ha annunciato la sospensione dei voli su Milano fino al 24 aprile, si è ora schierata anche Delta, che ha spiegato come “a seguito dell’innalzamento del livello di allerta da parte del Dipartimento di Stato degli Stati Uniti, sospenderà temporaneamente il suo collegamento giornaliero tra l’aeroporto John F. Kennedy International di New York (JFK) e l’aeroporto di Milano Malpensa. L’ultimo volo Delta da New York Jfk per Milano Malpensa partirà lunedì 2 marzo e l’ultimo volo da Milano Malpensa per New York Jfk partirà martedì 3 marzo. I collegamenti per e da Milano riprenderanno rispettivamente il 1° maggio e il 2 maggio 2020. I voli giornalieri del vettore tra Roma e gli aeroporti di New York JFK e Atlanta continueranno ad essere operati secondo l’orario in vigore”.

Più tranchant la posizione di Turkish, che ha deciso di sospendere già da ieri tutti i voli da e verso l’Italia.


TAGS

QUESTO ARTICOLO MI FA SENTIRE

COMMENTA

Ultime News

Guarda tutte
Registrati

Follow Us