EDITORIA - EVENTI - SERVIZI  DAL 1972 AL SERVIZIO DEL TURISMO PROFESSIONALE

 
HOME > Notizie

Le compagnie blindano i cieli

16/03/2020 11:55
Alitalia, prenotabili i collegamenti in programma e i voli speciali per il rimpatrio dei connazionali. Uiltrasporti: dalla crisi deve nascere un nuovo vettore di riferimento


Alitalia

In coordinamento con l’Unità di crisi della Farnesina, Alitalia sta predisponendo una serie di voli speciali per permettere a migliaia di connazionali di rientrare in Italia, e continuerà anche a operare verso alcuni Paesi che hanno disposto provvedimenti restrittivi ai cittadini italiani e a passeggeri che hanno soggiornato in Europa.

È decollato ieri da Roma Fiumicino un volo speciale per le Maldive che, per rispettare il divieto di ingresso nel Paese agli italiani, ha eseguito uno scalo tecnico a Il Cairo per cambiare l’equipaggio. Il rientro a Fiumicino è previsto alla mezzanotte di domani.

Nella medesima prospettiva di assicurare un servizio pubblico essenziale, Alitalia continuerà a operare da Roma Fiumicino due voli al giorno su New York e su Londra per permettere ai cittadini italiani e stranieri, tra i quali molti studenti, di rientrare nei rispettivi luoghi di residenza.

Dopo la decisione di quasi tutte le compagnie aeree internazionali di sospendere i collegamenti con il nostro Paese, Alitalia continuerà a garantire, laddove non vi siano restrizioni al traffico aereo, collegamenti internazionali con Bruxelles, Berlino, Francoforte, Monaco, Parigi, Marsiglia, Nizza, Cairo e Algeri, mentre sulla rete di lungo raggio la compagnia continuerà a volare verso San Paolo, Rio de Janeiro, Johannesburg, Nuova Delhi, Tokyo e, fino a domani, Miami e Buenos Aires. In Italia, proseguiranno i servizi aerei con almeno un volo andata e ritorno quotidiano da e per la maggior parte degli aeroporti rimasti operativi a seguito del decreto del ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti.

Dopo la chiusura temporanea dello scalo di Milano Linate, Alitalia ha spostato le proprie attività operative al Terminal 2 dell’aeroporto di Malpensa dal quale garantirà il collegamento con Bari, Cagliari, Catania, Lamezia Terme, Napoli, Palermo e Roma Fiumicino. Da domani, inoltre, tutte le operazioni di check-in per i voli nazionali, internazionali e intercontinentali della compagnia in partenza da Roma Fiumicino saranno effettuate al Terminal 3, a seguito della chiusura del Terminal 1.

 

Aegean e Olympic Air

Aegean apporterà modifiche all'orario dei voli fino all'8 aprile incluso sia nella rete nazionale sia internazionale e comporteranno principalmente l’unione di più voli o la riduzione delle frequenze. Il vettore raccomanda ai passeggeri di controllare sempre lo stato del proprio volo prima dell'inizio del viaggio, perché è possibile che vengano applicate restrizioni anche con un breve preavviso. Per informazioni sugli aggiornamenti degli orari dei voli, i passeggeri possono visitare il sito web Aegean.

 

Air France-Klm

Prendendo atto dell'annuncio del Dipartimento della sicurezza nazionale degli Stati Uniti (DHS) sulle nuove restrizioni alle frontiere degli Stati Uniti a partire dal 14 marzo, fino al 28 marzo incluso, Air France prevede di continuare le operazioni ad Atlanta, Chicago, Detroit, Los Angeles, New York JFK, San Francisco e Washington. In questa fase, Air France è in attesa di chiarimenti da parte delle autorità statunitensi sulla possibilità di continuare il servizio a Miami, Boston e Houston. Air France sta collaborando con i suoi partner Klm, Delta Air Lines e Virgin Atlantic per un piano per continuare il servizio negli Stati Uniti per i suoi clienti oltre il 28 marzo 2020.

Klm Royal Dutch Airlines conferma che i voli da e per gli Stati Uniti sono operativi secondo il programma previsto per il 13 marzo. Dal 14 al 28 marzo 2020 incluso, Klm prevede di continuare le operazioni da e per Atlanta, Washington, New York JFK, Los Angeles, Chicago e San Francisco, sebbene su un programma eventualmente modificato.

 

Iag

A oggi Iag ha sospeso i voli verso la Cina, ridotto la capacità sulle rotte asiatiche, cancellato tutti i voli da e verso l'Italia e apportato varie modifiche alla rete. L'annuncio di Donald Trump per limitare l'ingresso di cittadini stranieri che sono stati in Paesi dell'area Schengen, Regno Unito e Irlanda ha aggiunto incertezza sulle rotte del Nord Atlantico. Inoltre, molti altri Paesi hanno vietato o stanno limitando i viaggi verso l'interno tra cui Argentina, Cile, India e Perù. Anche la Spagna è oggetto di attenzione.

Iag sta implementando ulteriori iniziative in risposta a questo difficile contesto di mercato e il gruppo prevede di ridurre la capacità di almeno il 75% rispetto allo stesso periodo del 2019.

Willie Walsh, amministratore delegato di Iag, ha dichiarato: "Abbiamo assistito a un sostanziale declino delle prenotazioni attraverso le nostre compagnie aeree e la nostra rete globale nelle ultime settimane e prevediamo che la domanda rimarrà debole fino all'estate".

Alla luce delle circostanze eccezionali e in particolare della situazione in via di sviluppo in Spagna, è stato deciso che Luis Gallego continuerà nel suo ruolo di amministratore delegato di Iberia mentre Walsh continuerà ad agire come amministratore delegato del Gruppo e Javier Sanchez rimarrà in carica come amministratore delegato di Vueling.

 

Ryanair

In risposta alla decisione del governo polacco, il gruppo Ryanair (comprese Buzz e Lauda) è stato costretto a cancellare tutti i voli da e per la Polonia  fino alle 24:00 di martedì 31 marzo.

Negli ultimi 7 giorni, Italia, Malta, Ungheria, Repubblica Ceca, Slovacchia, Austria, Grecia, Marocco, Spagna, Portogallo, Danimarca, Polonia, Norvegia e Cipro hanno imposto divieti di volo di varia entità, da tutti i voli da/per il Paese o voli vietati da/verso Paesi ad alto rischio di infezione da Covid.

Ryanair prevede che il risultato di queste restrizioni sarà la messa a terra della maggior parte della sua flotta di aeromobili in Europa nei prossimi 7-10 giorni. Nei Paesi in cui la flotta non è radicata, le restrizioni di distanza sociale possono rendere impossibile il volo a tutti gli effetti, se non impossibile.

Per aprile e maggio, Ryanair ora prevede di ridurre la propria capacità di posti fino all'80% e non è possibile escludere una messa a terra completa della flotta.

 

Singapore Airlines

Le autorità di Singapore hanno adottato le seguenti misure per limitare il rischio di diffusione di Covid-19 nel Paese:

• Dalle ore 23.59 del 15 marzo 2020, a tutti i nuovi visitatori che hanno viaggiato in Francia, Germania, Italia e Spagna negli ultimi 14 giorni non sarà consentito l'ingresso o il transito da Singapore.

• Ai cittadini di ritorno a Singapore, ai residenti e ai titolari di pass a lungo termine (compresi pass e permessi di lavoro, pass per studenti, pass per persone a carico) che hanno viaggiato in Francia, Germania, Italia e Spagna negli ultimi 14 giorni sarà consentito l'ingresso a Singapore. Tuttavia, verrà emesso uno Stay-At-Home Notice in seguito al quale sarà loro richiesto di restare a casa per 14 giorni.

• I titolari di pass a lungo termine dovranno avere anche una lettera del Ministry of Manpower (MoM) di Singapore, richiesta dal loro datore di lavoro, prima che siano autorizzati ad entrare nel Paese.

Modifiche ai voli Singapore Airlines dall’Europa

Milano

• Il volo SQ356/355 è stato sospeso dall’ 8 marzo al 31 maggio 2020

• Il volo SQ378/377 è stato sospeso dal 7 marzo al 30 maggio 2020

Roma

• Il volo SQ366/365 è stato sospeso dal 14 marzo al 31 maggio 2020

Barcellona

• Il volo SQ388/387 è stato sospeso da oggi al 31 maggio 2020

Parigi

• Il volo SQ336/335 è stato sospeso da oggi al 31 maggio 2020

• Il volo SQ334/333 è stato sospeso da oggi al 28 marzo 2020

Düsseldorf

• Il volo SQ338/337 sarà sospeso dal 17 marzo al 30 maggio 2020

Monaco

• Il volo SQ328/327 sarà sospeso dal 17 marzo al 31 maggio 2020

Francoforte

• Il volo SQ326/325 è stato sospeso da oggi al 31 maggio 2020

• Il volo SQ26/25 è stato sospeso da oggi al 31 maggio 2020

Singapore Airlines non addebiterà le spese di cancellazione e modifica ai passeggeri che viaggiano da e verso la Francia, la Germania, la Spagna e l’Italia con biglietti emessi prima del 13 marzo 2020 incluso, per viaggiare su voli operati da Singapore Airlines o SilkAir dal 10 marzo 2020 al 31 maggio 2020. La nuova data di viaggio dovrà iniziare entro il 31 agosto 2020.

 

Wizz Air

Wizz Air ha annunciato la sospensione di tutti i suoi voli da e per la Polonia fino a nuovo avviso.

Nessun cittadino straniero potrà entrare in Polonia, mentre i cittadini polacchi che arrivano dall'estero verranno messi in quarantena.

I passeggeri con prenotazioni oggetto di sospensioni di volo verranno automaticamente informati via e-mail, nel caso in cui i clienti avessero prenotato direttamente su wizzair.com o tramite l'app mobile della compagnia aerea. Il 120% della tariffa originale verrà automaticamente accreditato sull'account Wizz del cliente e l'importo potrà essere riutilizzato nei prossimi 24 mesi per l'acquisto di prodotti e servizi Wizz Air. I passeggeri possono anche optare per un rimborso in contanti - che richiederà più tempo per il completamento - e saranno informati delle fasi necessarie per il trasferimento bancario o su carta di credito in un'e-mail separata. In questo caso, i clienti avranno diritto solo al 100% della tariffa originale. I passeggeri che hanno effettuato le prenotazioni tramite agenzie di viaggio - comprese le agenzie di viaggio online - dovranno mettersi in contatto con l’agenzia stessa attraverso la quale hanno acquistato i biglietti.

 

La voce del sindacato

“Dalle grandi emergenze si esce con le grandi scelte e ci aspettiamo il Governo assuma la decisione di ridare all’Italia un vettore di bandiera, analogamente a tutti i Paesi europei”. A dichiararlo sono  Claudio Tarlazzi e Ivan Viglietti, rispettivamente segretario generale e nazionale di Uiltrasporti.

“Il trasporto aereo era già al collasso prima che il coronavirus comparisse per mancanza di interventi di riforma che chiediamo da tempo. L’emergenza sanitaria ha solo accelerato un epilogo annunciato. Ciò nonostante, Alitalia sta volando in tutto il mondo per recuperare e riportare a casa i nostri connazionali bloccati in altri Paesi. In un settore come quello del trasporto aereo, che rappresenta il 3% del Pil del Paese, è necessario e urgente costituire una nuova compagnia di bandiera adeguatamente strutturata e capitalizzata. Chiediamo e auspichiamo che l’imminente decreto lo preveda (la nota è di ieri, domenica 15 marzo, nda), insieme a misure per gli ammortizzatori sociali a tutela dell’occupazione di tutto il settore, per l’adeguato rifinanziamento del Fondo di Solidarietà, per l’introduzione di regole di concorrenza sul mercato domestico che riequilibrino la catena del valore tra gli stakeholder del settore e, infine, per l’istituzione di un sostegno legislativo antidumping salariale, che identifichi il Ccnl di settore quale riferimento minimo retributivo”.

Stante la situazione, molte compagnie aeree basate in Italia hanno deciso di avviare procedure di cassa integrazione straordinaria, che - come riporta l’Ansa -, interesseranno nei prossimi mesi quasi 5mila persone. Così i numeri dei dipendenti coinvolti: Alitalia 2.785, EasyJet 1.469, Blue Panorama 634. Ci sono poi, riporta l’agenzia, i 1.450 a rischio licenziamento di Air Italy e gli oltre mille già in cigs di Alitalia.

 


TAGS

QUESTO ARTICOLO MI FA SENTIRE

COMMENTA

Ultime News

Guarda tutte
Registrati

Follow Us