EDITORIA - EVENTI - SERVIZI  DAL 1972 AL SERVIZIO DEL TURISMO PROFESSIONALE

 
HOME > Notizie

Settemari, Jump e Amo il Mondo pronti con le azioni di rilancio

26/05/2020 08:33
Ipotizzati diversi scenari, oltre all’individuazione di efficaci strategie commerciali a sostegno dell’intermediazione e di azioni di marketing - di Stefania Vicini

Settemari, Jump e Amo il Mondo tre tipologie di prodotto diverse all'interno di un unico gruppo, come stanno affrontando la Fase 2 e la ripresa? "In questo periodo, gli sforzi aziendali sono tesi alla creazione dei possibili scenari della ripartenza, all’individuazione di efficaci strategie commerciali a sostegno dell’intermediazione e di azioni di marketing per le azioni di rilancio", spiega a Guida Viaggi Martino Dotti, sales manager di Settemari.
"In attesa di capire quali saranno le disposizioni del protocollo europeo a tema turismo, abbiamo ipotizzato diversi scenari. Ogni linea di prodotto per ogni brand aziendale è stato analizzato per capire se potrà essere compatibile - sottolinea il manager -. Sarà necessario attuare delle scelte di prodotto, degli investimenti sia a livello aziendale sia produttivo e attivare efficaci misure di controllo".
Alla domanda se vi siano segnali di ripresa, il manager attesta che ci sono "dati reali, ottenuti da survey sul consumatore finale, che ci inducono ad essere pronti e lucidi ad una ripresa". 

Settemari

Entrando più nello specifico dell'offerta, nel caso dei club o dei villaggi come potranno essere gestiti gli spazi comuni, le attività, la ristorazione, le pratiche di registrazione della clientela, l'attività di animazione, la spiaggia...Dotti fa sapere che sono pronti "con diverse soluzione studiate nei minimi dettagli dal distanziamento alle attività, alla ristorazione, per rispettare i protocolli definitivi di ogni Paese in cui abbiamo i SettemariClub. Inoltre, con i nostri partner e corrispondenti locali abbiamo simulato diverse ipotesi di occupazione sia a livello di volato sia di servizi a terra, sino alle escursioni". 

Jump

Sicuramente la diversificazione dell'offerta di brand e prodotto è un punto a favore del gruppo, in quanto permette di poter utilizzare "gli strumenti più adatti alle richieste del mercato. Il nostro brand Jump sarà il veicolo trainante del mercato domestico generalista, mentre la proposta villaggista è supportata dai nostri due prodotti di punta, in gestione interna Uhc, il Settemari Balance Club Mursia di Pantelleria e il Santo Stefano in Sardegna". 

Amo il Mondo

Ancora top secret le mosse che interesseranno Amo il Mondo, se non che è stato sviluppato "un piano di intervento in grado di modularsi in base ai diversi scenari nelle diverse aree del mondo. Le storiche collaborazioni con i Dmc locali e con i nostri partner commerciali - afferma il manager - ci hanno permesso di definire un’ipotesi di programmazione post-covid che riteniamo efficace. Ci riserviamo di mantenere una condizione di segretezza in merito". 

Le mete

Parlando di mete, Spagna e Grecia possono essere tra le favorite dell'estate? Dotti fa presente che sono "destinazioni storiche per Settemari. I solidi rapporti con le proprietà alberghiere, ci permettono di lavorare in squadra per presentare un’offerta performante per la ripresa". Ci sono anche Egitto, Tunisia e Italia tra le destinazioni ad oggi programmate per la ripartenza con i brand SettemariClub e Jump.
Creta, Rodi, Kos, Alonissos, Marsa Matrouh, Marsa Alam, Djerba, Fuerteventura, Minorca, Maiorca e mare Italia si apprestano a riaprire, garantendo l’applicazione delle nuove disposizioni in tema di sicurezza.
A queste proposte si aggiungono Ganghei alle Maldive e Twiga in Kenya, che, per la stagione estiva, saranno proposti da Jump in solo land o in abbinamento a volato di linea.
Una nota della società fa sapere che tutta l’offerta, prenotabile a breve attraverso i sistemi di teleprenotazione di Settemari e Jump, sarà fruibile, rispettando i protocolli bilaterali tra i Paesi, da inizio luglio, grazie anche alla partnership con Blue Panorama.

“In questi mesi, abbiamo lavorato in squadra con le catene alberghiere, i corrispondenti locali e  le società di animazione - sottolinea Dotti -. Abbiamo studiato insieme diverse ipotesi in tema di occupazione, distanziamento, sanificazione, attività sportiva ed intrattenimento; ora siamo pronti a presentare al mercato un prodotto adeguato”. Oltre alla comunicazione sarà divulgato anche un piano commerciale di rilancio che si articolerà su vari livelli: dalla remunerazione per le adv, alla flessibilità per il cliente, alle soluzioni per velocizzare la fruizione dei voucher.

Stefania Vicini


TAGS

QUESTO ARTICOLO MI FA SENTIRE

COMMENTA

Ultime News

Guarda tutte
Registrati

Follow Us