EDITORIA - EVENTI - SERVIZI  DAL 1972 AL SERVIZIO DEL TURISMO PROFESSIONALE

 
HOME > Notizie

La pandemia cambia le regole e le polizze si ritarano

26/06/2020 10:12
Si modificano il modo di fare vacanza, la mappa degli spostamenti, esigenze e paure. Nascono prodotti ad hoc per le nuove richieste, tra cui un turismo di giornata e di prossimità - di Stefania Vicini

Sarà una vacanza diversa. La pandemia ha sovvertito le regole, costringendo l’intero settore turistico ad adottare norme, misure e protocolli sanitari nuovi, a ripensare l’offerta. Cambia il modo di fare vacanza, la mappa degli spostamenti, le esigenze e le paure e il mondo assicurativo ha dovuto dimostrare capacità di adattamento alle nuove richieste. Come? Creando polizze specifiche ed aggiornando i prodotti già in essere. 

“Abbiamo riscontrato che ci sarà una tendenza, oltre che a rimanere in Italia, anche a prediligere attività in giornata, gite, escursioni o attività particolari (anche sportive) – dichiara a Guida Viaggi Daniela Panetta, direzione commerciale Ergo Assicurazione Viaggi -. E’ in quest’ottica che abbiamo lanciato dei prodotti specifici che possano coprire questo tipo di attività giornaliere”.
B&T Insurance Service ha lavorato con le compagnie “per affrontare in tempi veloci la ripartenza, presentando le necessità dettate dall’eccezionalità dell’evento – spiega il responsabile commerciale, Marcello Alesse -. Una volta analizzate le coperture classiche e individuate le necessarie implementazioni, abbiamo aggiornato i prodotti sul portale di Webins migliorando le coperture, modificando i parametri di intervento, adeguando i massimali, lo stesso lavoro è stato fatto per i t.o. che collaborano con noi”.
L'atteggiamento assunto è stato quello di "ripensare il settore e i nuovi rischi ai quali dovrà fare fronte il nuovo turista, per offrire i prodotti più adeguati alle nuove dinamiche di viaggio - aggiunge – Stefano Pedrone, responsabile direzione turismo di Nobis Filo diretto -. Da un lato abbiamo varato la polizza Filo diretto Hotel, che sta sostenendo le strutture ricettive italiane, permettendo ai clienti di prenotare in sicurezza. Dall’altro, abbiamo aggiornato i prodotti storici, comprendendo garanzie per le nuove problematiche sanitarie”.
Muoversi per tempo, fornendo soluzioni adeguate, andando a prevedere ciò che prima non c’era. Anche I4T ha fatto la mossa di inserire "coperture specifiche, in grado di fronteggiare molte delle possibili casistiche di rischio legate al covid – racconta Christian Garrone, responsabile intermediazione assicurativa I4T -. Per la protezione dei clienti in viaggio proponiamo le polizze della linea I4T Gold che includono da sempre i rischi derivanti da epidemie e pandemie”. Inoltre, includono la copertura Cover Stay, "che interviene quando l’assicurato, pur non risultando ammalato, subisce disagi a causa dell’epidemia".
Nel caso di Europ Assistance le mosse sono state implementare il servizio MyClinic con la nuova assistenza covid-19. Inoltre, “data la richiesta di appartamenti e case in affitto” è stato ideato un prodotto per sostenere questa domanda; “EasyRent, un’assicurazione per non dover anticipare il deposito cauzionale. Grazie a questa offerta il rischio sarà assorbito dalla compagnia, il proprietario sarà tutelato da qualsiasi danno e il cliente potrà godersi la vacanza, senza l’anticipo della cauzione e il timore di inconvenienti. Questo evita all’ospite qualsiasi esborso o trattenuta di deposito cauzionale e garantisce ai proprietari la massima protezione da possibili danni alla struttura". La compagnia ha, poi, lanciato due nuovi concept di prodotto, Extra e Viaggi Italia

Serve un distinguo
Secondo Michele Cossa, a.d. di Borghini e Cossa, si deve fare un distinguo: “Riferendosi alle coperture a favore dei viaggiatori (medico/bagaglio/annullamento) bisogna distinguere fra i prodotti individuali distribuiti dalle adv attraverso portali dedicati e le polizze abbinate (in diverse modalità) dai t.o. ai loro pacchetti”. Nel primo caso, osserva il manager, “pressoché tutti i prodotti prevedevano l’esclusione di epidemie e pandemie; le diverse compagnie di assicurazioni stanno man mano adeguando la loro offerta”. Con riferimento ai t.o. “esistevano già molte soluzioni senza limitazioni in caso di epidemie”.
La mossa di Axa Partners è stata coprire “il caso di pandemia e di catastrofi naturali (oltre le malattie preesistenti) su tutti i prodotti di assistenza medica, spese mediche e annullamento, senza aumento delle tariffe”, spiega Stéphane Coulot, ceo Southern Europe di Axa Partners.
Inoltre, "oltre alla copertura delle malattie preesistenti, atti terroristici, assistenza sanitaria All Risks e molti altri plus già presenti in alcune delle nostre polizze abbiamo esteso gratuitamente a tutte le polizze Tripy (vendute dalle adv) e Trade (vendute dagli agenti assicurativi) la copertura degli eventi catastrofali e delle pandemie sia nella sezione assistenza e spese mediche, sia nella garanzia annullamento - dice il manager - E' prevista, inoltre, una nuova garanzia, Back Home, che permette di estendere la possibilità di rientro degli assicurati anche in caso di situazioni come fallimento o insolvenze dell’operatore turistico, o in caso di sicurezza insufficiente nel raggio di 100 km (per un evento sociopolitico, sanitario o terroristico). Un’altra garanzia innovativa già presente nei prodotti Tripy è Cover stay che offre il rimborso delle spese legate al periodo di isolamento imposto, sempre più di frequente a molti viaggiatori, che si trovano a dover sostenere spese ingenti aggiuntive non pianificate in paesi stranieri". 

Per un approfondimento dell'argomento rimandiamo allo Speciale Assicurazioni pubblicato sul numero 1589 di Guida Viaggi in distribuzione dal 29 giugno.           

Stefania Vicini


TAGS

QUESTO ARTICOLO MI FA SENTIRE

COMMENTA

Ultime News

Guarda tutte
Registrati

Follow Us