EDITORIA - EVENTI - SERVIZI  DAL 1972 AL SERVIZIO DEL TURISMO PROFESSIONALE

 
HOME > Notizie

Iata: "Primissime fasi di ripresa del trasporto aereo"

02/07/2020 10:33
I dati di maggio attestano un -91,3% rispetto a maggio 2019, in lieve aumento dal calo annuale del 94% registrato nell'aprile 2020. Miglioramento trainato dalla ripresa in alcuni mercati domestici, in particolare la Cina

Ancora un calo sul fronte della domanda passeggeri, seppur con una nota positiva. E' quanto comunica Iata sui dati di maggio, che attestano un -91,3% rispetto a maggio 2019. Il dato, però, mostra un lieve aumento dal calo annuale del 94% registrato nell'aprile 2020. Il miglioramento è stato trainato dalla ripresa in alcuni mercati domestici, in particolare la Cina.

“Maggio non è stato così terribile come aprile. Questa è la cosa migliore che si possa dire - afferma Alexandre de Juniac, direttore generale e ceo di Iata -. Come previsto, i primi miglioramenti della domanda di passeggeri si stanno verificando nei mercati nazionali. Il traffico internazionale è rimasto praticamente fermo a maggio. Siamo solo all'inizio di una lunga e difficile ripresa. E c'è un'incertezza tremenda sull'impatto che potrebbe avere una ripresa di nuovi casi covid-19 in mercati chiave", ha fatto presente il manager. 

La domanda internazionale di passeggeri di maggio è diminuita del 98,3% rispetto a maggio 2019, praticamente invariata rispetto al calo del 98,4% registrato ad aprile. La capacità è crollata del 95,3% e il fattore di carico è sceso di 51,9 punti percentuali al 28,6%, il che significa che in media sono stati occupati poco più di un quarto dei posti.

La domanda di maggio dei vettori europei è diminuita del 98,7% rispetto allo scorso anno, praticamente invariata rispetto al calo del 98,9% di aprile, anno su anno, e al peggior declino tra le regioni. La capacità è scesa del 97,5% e il fattore di carico è sceso di 41,7 punti percentuali al 42,4%.

Il traffico di maggio delle compagnie aeree dell'Asia del Pacifico è precipitato del 98,0% rispetto al periodo dell'anno precedente, anche in linea con un 98,2% registrato ad aprile. La capacità è scesa del 95,1% e il fattore di carico si è ridotto di 46,6 punti percentuali al 32,1%.

Le compagnie aeree del Medio Oriente hanno registrato una contrazione del traffico del 98,0% a maggio, rispetto al calo della domanda del 97,3% ad aprile. La capacità è crollata del 93,9% e il fattore di carico è sceso al 23,9%, in calo di 49,1 punti percentuali rispetto al periodo dell'anno precedente.
    
I vettori nordamericani hanno registrato un calo del traffico del 98,2% a maggio, poco cambiato rispetto al calo del 98,4% di aprile. La capacità è scesa del 94,5% e il fattore di carico è sceso del 56,7 punti percentuali al 27,2%.
    
Le compagnie aeree dell'America Latina hanno registrato un calo della domanda del 98,1% a maggio rispetto allo stesso mese dell'anno scorso, rispetto a un calo del 98,2% ad aprile. La capacità è scesa del 96,6% e il fattore di carico è sceso di 38,1 punti percentuali al 45,9%, meglio tra le regioni.

Il traffico delle compagnie aeree africane è calato del 98,2% a maggio, in lieve miglioramento rispetto al calo del 98,7% di aprile. La capacità ha subito una contrazione del 77,8%, che è stata la più piccola riduzione dell'offerta tra le regioni, e il fattore di carico è sceso di 61,8 punti percentuali a solo il 5,3% dei posti occupati, il più basso tra le regioni.

Mercati passeggeri domestici

Il traffico interno è diminuito del 79,2% a maggio, in miglioramento rispetto al calo dell'86,2% di aprile. La capacità domestica è scesa del 69,2% e il fattore di carico è sceso di 27,2 punti percentuali al 56,9%.

I vettori cinesi hanno registrato un calo del traffico del 49,9% su base annua a maggio, in netto miglioramento rispetto al calo della domanda del 64,6% registrato ad aprile. Tuttavia, il miglioramento è stato più di recente interrotto dalle cancellazioni dei voli da e per Pechino, a causa dell'aumento del numero di nuove infezioni in città.
    
Il traffico interno delle compagnie aeree statunitensi è diminuito dell'89,5% a maggio, in miglioramento rispetto al calo del 95,6% registrato ad aprile. Tuttavia, il recente aumento dei tassi di infezione negli stati chiave degli Stati Uniti a seguito della revoca delle restrizioni di blocco potrebbe avere un impatto negativo sulla ripresa in erba.

"Sembra che siamo nelle primissime fasi di una ripresa del trasporto aereo, ma la situazione è fragile. Abbiamo bisogno che i governi sostengano e rafforzino il riavvio implementando rapidamente le linee guida globali dell'Organizzazione per l'aviazione civile internazionale (Icao) per ripristinare la connettività aerea contenuta nel decollo dell'Icao: Guida per i viaggi aerei attraverso la crisi della sanità pubblica covid-19", commenta de Junac. 


TAGS

QUESTO ARTICOLO MI FA SENTIRE

COMMENTA

Ultime News

Guarda tutte
Registrati

Follow Us