EDITORIA - EVENTI - SERVIZI  DAL 1972 AL SERVIZIO DEL TURISMO PROFESSIONALE

 
HOME > Notizie

La Spagna non ci sta: "Noi destinazione sicura"

04/08/2020 16:01
L'ente turistico del Paese iberico ribadisce la validità dei propri protocolli sanitari, rispondendo indirettamente alle prese di posizione delle scorse settimane di Regno Unito, Germania e Olanda

La Spagna non ci sta. Il Paese iberico – a fronte delle prese di posizione più o meno ufficiali di Paesi come Regno Unito, Germania e Olanda – ribadisce fermamente il suo status di destinazione “amichevole e sicura, perfettamente preparata per garantire la sicurezza di turisti e residenti”, come spiega l’ente turistico nazionale in una nota.

L’asserzione degli spagnoli “è dimostrata dai dati epidemiologici e dall'insieme di misure che sono stata messe in atto per garantire la sicurezza di tutti i turisti che la visitano”. “Sapevamo che il virus non sarebbe scomparso con la fine delle misure straordinarie. Fino al raggiungimento di un vaccino, dobbiamo convivere con il virus con assoluta prudenza e responsabilità, il che non è incompatibile con il godimento delle vacanze in Spagna - spiega Isabel Garaña, console aggiunto e direttore dell’ente spagnolo del Turismo di Milano -. La Spagna ha adottato forti misure per fronteggiare l’emergenza che sono andate oltre a quelle attuate da altri Paesi del nostro entourage”.

Quanto alle regioni più colpite, e oggetto delle raccomandazioni ai propri cittadini di Germania e Olanda, “i focolai si concentrano principalmente in due regioni (Aragona e Catalogna) che sommano il 60% del totale dei casi. I focolai sono altamente localizzati e la stragrande maggioranza delle nostre destinazioni di vacanza hanno un tasso d’incidenza del virus più basso di quello considerato a basso rischio”.

Per quanto riguarda le procedure legate alla prevenzione per le attività turistiche, “sono molto rigorose. Il ministero dell'Industria, del Commercio e del Turismo ha pubblicato 21 linee guida specifiche dettagliate per tipo di attività con raccomandazioni tecniche e sanitarie per un turismo sicuro. Allo stesso modo, sono stati incorporati tutti gli standard internazionali di salute e sicurezza dei trasporti. L’utilizzo della mascherina è obbligatorio sia nei trasporti che negli spazi aperti al pubblico su tutto il territorio nazionale tranne che nelle isole Canarie”. Per i turisti inoltre, oltre alle misure è necessario per chi arriva in aereo o in nave richiedere un codice QR per passare il controllo al loro arrivo in Spagna.

"L’ente spagnolo del Turismo - rimarca Garaña - vuole incoraggiare i turisti italiani a rendere la Spagna la loro destinazione sicura scelta, sostenere gli operatori turistici locali che lavorano con il nostro Paese con un’informazione accurata, formazione e azioni di marketing orientate alla vendita, dedicando anche una speciale attenzione alle azioni di comunicazione per illustrare con chiarezza la situazione, l’andamento dell’emergenza e l’efficace gestione dei protocolli di salute e sicurezza e, soprattuto, tutto quello che nonostante tutto offrono le meravigliose destinazioni spagnole”.


TAGS

QUESTO ARTICOLO MI FA SENTIRE

COMMENTA

Ultime News

Guarda tutte
Registrati

Follow Us