EDITORIA - EVENTI - SERVIZI  DAL 1972 AL SERVIZIO DEL TURISMO PROFESSIONALE

 
HOME > Notizie

Dieci mesi di Cigs per i lavoratori Air Italy

04/09/2020 10:24
L'accordo raggiunto dopo una riunione no-stop di 12 ore

Un sospiro di sollievo per i 1.465 dipendenti di Air Italy: per i prossimi 10 mesi i lavoratori della compagnia nata dalle ceneri di Meridiana, storico marchio della Costa Smeralda, percepiranno la cassa integrazione e non saranno quindi licenziati.

A comunicarlo i sindacati che spiegano l'iter della vicenda e i possibili sviluppi: "Nonostante la sciagurata decisione degli azionisti, che segna una  pagina tragica nella storia della aviazione civile italiana di procedere alla chiusura di Air Italy, si è riusciti ad impedire che 1.465 dipendenti finissero sulla strada" spiegano dalla Uiltrasporti il segretario generale, Claudio Tarlazzi e quello nazionale, Ivan Viglietti. "Grazie al lavoro congiunto di Governo, istituzioni e sindacato si è potuto raggiungere l'accordo di Cassa Integrazione Straordinaria per 10 mesi per tutti i lavoratori Air Italy".

"Ma deve essere sin da ora chiaro - aggiungonoi due segretari della Uiltrasporti - che per quanto ci riguarda questo è solo un inizio, perché bisogna che i ministeri competenti, insieme alle Regioni Lombardia e Sardegna ed ai sindacati proseguano ed incrementino  il lavoro per costruire una solida prospettiva industriale per tutti i lavoratori coinvolti, che rappresentano 1.465 famiglie che chiedono e meritano di vivere di lavoro e non di ammortizzatori sociali".

Soddisfatti anche i vertici della Filt Cgil: "Un ottimo risultato che sventa il dramma di 1.465 licenziamenti" afferma il segretario nazionale Fabrizio Cuscito. L'intesa, spiega il sindacalista, è arrivata "dopo una riunione no-stop di 12 ore, soprattutto in un contesto molto difficile con una liquidazione aziendale in atto, grazie all'estremo impegno e alla tenacia delle organizzazioni sindacali. Con il contributo del ministero del Lavoro e delle Regioni Sardegna e Lombardia", sottolinea ancora Cuscito, vengono "garantiti tutti i diritti retributivi e vengono mantenute le professionalità certificate ed in tempi brevissimi verranno presentati i programmi di riqualificazione".


TAGS

QUESTO ARTICOLO MI FA SENTIRE

COMMENTA

Ultime News

Guarda tutte
Registrati

Follow Us