EDITORIA - EVENTI - SERVIZI  DAL 1972 AL SERVIZIO DEL TURISMO PROFESSIONALE

 
HOME > Notizie

Il turismo è digitale ma sostenibile

18/11/2020 14:49
Che impatto avrà la tecnologia sulle abitudini dei viaggiatori? L’argomento è stato affrontato da Atout France, che insieme a Welcome City Lab ha annunciato la quinta edizione di ‘Travel Innovation Trend Book’ - di Lara Morano

Tecnologia e turismo, un binomio che sta dando vita a un vero e proprio momento storico: come stanno cambiando le abitudini dei viaggiatori, un dibattito affrontato durante un web meeting organizzato da Atout France, nell’ambito del quale l’ente del turismo francese, insieme a Welcome City Lab, ha annunciato la quinta edizione del Travel Innovation Trend-Book. Il libro che presenta i trend di innovazione basati sull'analisi dell'evoluzione delle startup traveltech di successo.

Le prenotazioni online vengono ormai effettuate da anni e l’esigenza di snellire le tempistiche in fase di organizzazione di un viaggio è aumentata sempre di più. Lo scoppio della crisi sanitaria ha portato a un inasprimento temporaneo dell’utilizzo del web, ma si tratta anche senza dubbio del suo battesimo: il cambiamento dello stile di vita che è in atto si sta consolidando e questo vale anche per il mondo del turismo. Il libro parla dell'agilità e della resilienza che gli imprenditori dei viaggi hanno dimostrato finora. Molti sono stati in grado di reagire rapidamente, inventando nuove soluzioni di gestione, creando nuovi servizi rassicuranti e trovando nuove complementarità tra metodi di comunicazione faccia a faccia e a distanza. Questa edizione è caratterizzata dalla presenza di molti contributori internazionali, come PhocusWright, Singapore Tourism Accelerator, European Cities Marketing, l'acceleratore MTLab a Montreal o Mr Ko Koens, ricercatore associato olandese. Lo svolgimento della tematica si sviluppa nell’analisi di 5 tendenze che illustrano i cambiamenti in corso o futuri.

Le cinque tendenze

Salute e sicurezza: dopo lunghe settimane in cui l'attività è stata completamente interrotta, quando tutto si è bloccato, l'industria del turismo si trova ora ad affrontare una nuova sfida, proteggere la salute di tutti, ovunque, in ogni situazione. Per qualsiasi professionista del settore turistico è quindi essenziale attuare misure sanitarie e rassicurare i clienti su come tutelare la propria salute nei siti più frequentati.
Digitalizzazione: le esperienze virtuali sostituiranno la realtà? Senza dubbio la tendenza ad avvalersi dello strumento digitale aumenterà notevolmente. Stiamo già assistendo a nuovi modi di organizzare i meeting legati al business, fattore che inciderà inevitabilmente anche sui viaggi per affari.
Limitare la tecnologia laddove influisce sull’impatto ambientale (low tech): questa crisi sanitaria senza precedenti ha evidenziato la fragilità dei nostri ecosistemi urbani. In questo modo siamo tutti diventati consapevoli della necessità di rendere sostenibili i nostri stili di vita. L’invito è ad abbassare un po’ gli smartphone e provare la mobilità dolce, prestando attenzione all'esperienza sonora dei dintorni urbani, che sono considerati un ambiente chiave per una società più sostenibile. Low Tech non implica necessariamente l'assenza di tecnologia, ma orientata al basso consumo, verso una società più frugale.
Gamificazione e immersione virtuale: il turismo è essenzialmente emozione e piacere, da qui nasce il bisogno di migliorare l'esperienza turistica aggiungendo un elemento divertente, a volte anche onirico. Considerando il modo in cui l'esport sta decollando a livello globale, viene spontaneo incuriosirsi rispetto all'impatto che i videogiochi e tutti i giochi digitali con un'esperienza immersiva possono avere sul turismo.
Come trovare velocemente ciò di cui si ha bisogno durante un viaggio: al momento dell'emergenza climatica è diventato fondamentale sperimentare nuove soluzioni per nuove pratiche turistiche, culturali e ricreative, insieme a nuove tipologie di ristorazione e ricettività, ottenendo rapidamente risultati. Mentre i centri urbani sono al centro di questi sviluppi, i deserti industriali, che sono in continua mutazione, sono anche un luogo ideale per l'innovazione, dove la creatività è la parola chiave per una nuova generazione in cerca di riconoscimento.

Sostenibilità: in conclusione è emerso che il futuro del turismo è sempre più smart, dove la tecnologia deve trovare il giusto equilibrio con le nuove esigenze legate alla sostenibilità, alla sicurezza e al benessere.

Lara Morano


TAGS

QUESTO ARTICOLO MI FA SENTIRE

COMMENTA

Ultime News

Guarda tutte
Registrati

Follow Us