EDITORIA - EVENTI - SERVIZI  DAL 1972 AL SERVIZIO DEL TURISMO PROFESSIONALE

 
HOME > Notizie

In Gran Bretagna venti operatori al collasso

23/11/2020 09:10
Il fondo per salvare le aziende si sta asciugando, anche a causa del fallimento Thomas Cook

Sono 21 gli operatori Atol (Air Travel Organisers’ Licensing) già crollati a causa della pandemia Covid-19. La notizia arriva dal mercato britannico e parla di un costo totale di 33 milioni di sterline (37 milioni di euro) per l’Air Travel Trust Fund, che dopo aver già sborsato 250 milioni di sterline (280 milioni di euro) in seguito al crollo di Thomas Cook lo scorso anno, si trova ora in cassa soltanto 35 milioni.

Finora quest'anno, sono quindi 21 le società fallite, dopo il botto di Thomas Cook, e per la maggior parte di loro il fallimento risulta il risultato diretto della pandemia.

L’Atol dichiara inoltre di avere ancora accesso ad un prestito di 75 milioni di sterline. Se questo fosse insufficiente, si dovrebbe aspettare la mossa governativa per un ulteriore sostegno finanziario.

Fino alla fine di marzo 2019, l'Air Travel Trust Fund ha raccolto 65,7 milioni di sterline attraverso un prelievo sui passeggeri di 2,50 sterline, ma la Civil Aviation Authority ha affermato che durante i primi sei mesi i livelli di reddito della pandemia sono diminuiti di due terzi.


TAGS

QUESTO ARTICOLO MI FA SENTIRE

COMMENTA

Ultime News

Guarda tutte
Registrati

Follow Us