EDITORIA - EVENTI - SERVIZI  DAL 1972 AL SERVIZIO DEL TURISMO PROFESSIONALE

 
HOME > Notizie

Il futuro del travel: vacanze più vicino, più lunghe ma meno frequenti

03/12/2020 08:34
Un’altra conseguenza della crisi determinata dal Coronavirus è la riduzione dei viaggi di lavoro, una tendenza che rimarrà anche una volta che la pandemia sarà finita

La tendenza della domanda per le vacanze future passa attraverso tre cambiamenti, vale a dire, in primo luogo, viaggi in luoghi più vicini a casa, con un aumento della permanenza media, ma al contrario, con meno viaggi all'anno.

Secondo Preferente la pandemia di questo 2020 ha stimolato il cliente medio ad allontanarsi dai viaggi intercontinentali, mentre il telelavoro ha innescato la permanenza media. Tali elementi hanno fatto sì che invece di più viaggi brevi durante l'anno, i piani di vacanza siano meno frequenti ma più lunghi. Intrecciata con questo cambio di paradigma, va aggiunto che la crescente preferenza per soggiorni più lunghi ha favorito il boom registrato dagli appartamenti rispetto agli hotel, in quanto più attrezzati, con un maggior spazio individuale e per pernottamenti di più giorni.

Dal 2021, si prevede che ci siano più facilitazioni per i viaggi all'estero, anche se con alcuni nei, come la compilazione di moduli e la necessità di test Covid-19. Si prevde che il turismo interno continui la sua ascesa.

Un’altra conseguenza della crisi determinata dal Coronavirus è la riduzione dei viaggi di lavoro, una tendenza che rimarrà anche una volta che la pandemia sarà finita. Secondo un sondaggio del Conference Board e della European Round Table (Ert), che raccoglie le opinioni di grandi aziende in Europa e negli Stati Uniti, tutti prevedono di ridurre i viaggi aerei a causa del crescente utilizzo delle videochiamate. Alcuni di loro stanno scommettendo su tagli drastici in questo senso. Ad esempio, il 27% prevede una diminuzione di oltre il 50% nei viaggi per motivi di lavoro, mentre un altro 37% ritiene che la riduzione potrebbe arrivare fino al 25%. 

L'indagine, a cui hanno partecipato dirigenti di aziende come Inditex, Ferrovial, Iberdrola, Telefónica e Vodafone, tra molte altre, individua i cambiamenti strutturali nel modo di lavorare, nonché la performance finanziaria. Allo stesso modo, i leader delle aziende prevedono un boom del telelavoro nell'era post-Covid, che porterà molte aziende a utilizzare uffici più piccoli. Sebbene caute, le grandi multinazionali europee e statunitensi mostrano un moderato ottimismo per i prossimi mesi. La stragrande maggioranza ritiene che l'economia migliorerà o, nel peggiore dei casi, rimarrà invariata.

 


TAGS

QUESTO ARTICOLO MI FA SENTIRE

COMMENTA

Ultime News

Guarda tutte
Registrati

Follow Us