EDITORIA - EVENTI - SERVIZI  DAL 1972 AL SERVIZIO DEL TURISMO PROFESSIONALE

 
HOME > RUBRICHE - Interviste

Gli obiettivi di TripDoggy

Leadership di mercato in Italia e Europa. Nei primi mesi del 2017 la nuova piattaforma di direct booking

Una soluzione innovativa e allo stesso tempo rassicurante: questo vuole essere TripDoggy nell’obiettivo del suo founder Domenico Sarleti. Un’offerta specifica per turisti con animali al seguito, curata da un team multidisciplinare. Si compone, infatti, di specialisti che operano nel loro settore di competenza da diversi anni, dal travel al destination management, dal mondo cinofilo al blogging.
“Abbiamo creato un prodotto che andasse realmente incontro ad un’utenza di massa in termini numerici, caratterizzata da una forte segmentazione interna, che richiedeva fin da subito soluzioni diversificate” specifica il founder. L’approccio con il turista è diretto: “Abbiamo lavorato sulla creazione e il conseguente rafforzamento di una community attiva, e gli stessi tour operator, ma soprattutto le agenzie di viaggi, hanno trovato in TripDoggy una valida risorsa. Il settore del turismo con animali – prosegue Sarleti - è indubbiamente uno di quelli più in crescita a livello mondiale, è però molto complesso, perché i viaggiatori dog-friendly rientrano tra l’utenza con bisogni speciali”.

Gli animali domestici oggi vengono considerati un vero e proprio membro della famiglia e la sola ammissione degli animali nelle strutture non è sufficiente. “L’utente di TripDoggy ha bisogno anche di servizi dedicati. L’innovazione risiede proprio nella modalità in cui è considerata l’esperienza turistica in sé, ovvero una vacanza attiva di cui il soggiorno è solo una componente”.Questo approccio ha consentito al portale di lanciare dei prodotti che, di fatto, hanno rappresentato quel plus attorno al quale si è costruita la community.

La startup è stata lanciata a fine 2015 e conta ad oggi circa 1000 utenti. “Stiamo iniziando a promuovere la piattaforma in modo più deciso solo ora, prevedendo campagne mirate. Il prossimo obiettivo è un booking engine per cambiare radicalmente la nostra presenza sul mercato garantendoci crescita attraverso un revenue model basato su fee legate alle transazioni.
Il 2017 sarà un anno fondamentale per TripDoggy - conclude - in quanto abbiamo l’obiettivo di diventare leader in Italia per il dog-travel e lanciare il progetto anche in Europa”.

Infine, nei primi mesi del 2017, TripDoggy lancerà la nuova piattaforma di direct booking. l.s.

COMMENTA

Ultime News

Guarda tutte