EDITORIA - EVENTI - SERVIZI  DAL 1972 AL SERVIZIO DEL TURISMO PROFESSIONALE

 
HOME > RUBRICHE - articoli

Italiani più digital di tutti in Europa

Travelport: “Entro 3-5 anni fino al 70% delle transazioni si realizzerà via mobile

Italiani digital traveller più di tutti in Europa: lo dice una ricerca di Travelport su 11mila viaggiatori di 19 Paesi. Secondo l’indagine presentata parzialmente questa mattina a Milano – in forma più ampia verrà relazionata al Biz Travel Forum il 21 novembre -, il Belpaese spicca come il Paese più dipendente dagli strumenti digitali per ricercare informazioni e prenotare servizi di viaggio, oltre che per recensire.

Siamo al 10° posto in una classifica che vede l’India, la Cina e l’Indonesia sul podio; dietro di noi gli Stati Uniti, la Spagna, la Francia e addirittura la Germania ultima, al diciannovesimo posto.

“Condividiamo questa ricerca, nata per uso interno, visti gli interessanti dati emersi, che ci sottolineano ancora una volta quanto la tecnologia mobile stia rivoluzionando la vita di tutti noi – commenta Damiano Sabatino, vp e managing director Sud Europa e Sud Africa di Travelport -. Entro 3-5 anni stimiamo che fino al 70% le transazioni (iniziate e concluse, a livello globale) si realizzeranno attraverso strumenti in mobilità”.

Non si tratta di un fatto generazionale e non c’entrano, almeno stavolta, i millennial: il 25% degli over 55 rispondenti all’indagine (globale), infatti, afferma di utilizzare servizi di informazione da mobile e il 47% lo fa attraverso strumenti vocali, come Alexa di Amazon oppure Siri di Apple.

L’indagine ha analizzato le 4 fasi del viaggiatore: la pianificazione, il booking, mentre è in movimento e infine a destinazione.  Tra i comportamenti emersi c’è il 61% che evita hotel dove viene addebitato il wi-fi, il 50% utilizza una online travel agency (ota). Oltre alla ricerca generale, Travelport sta pubblicando diciotto dettagliate relazioni per ogni singolo paese, come anche un resoconto per la regione dell’Apac.

Focus Italia

“Con 39 milioni di utenti smartphone in Italia, i risultati che abbiamo esaminato  mostrano considerevoli opportunità per le aziende del settore dei viaggi di interagire digitalmente con i viaggiatori italiani, che sono i primi in Europa per l’utilizzo della ricerca vocale e fra i recensori più entusiasti. Qualunque sia la ragione per l’utilizzo del digitale da parte di chi sposta per lavoro o per vacanza, fornire strumenti e contenuti pertinenti al momento giusto non è più un accessorio, ma un metodo essenziale per raggiungere e soddisfare il proprio cliente dal momento della ricerca online al suo ritorno a casa o in ufficio”, argomenta Sabatino.

Gli italiani che hanno partecipato alla ricerca sono 500, in particolare il 48% ha affermato di cercare e prenotare viaggi attraverso lo smartphone, il 69% asserisce che le carte d’imbarco digitali rendono il viaggio più semplice (contro una media globale del 70%), il 71% ammette che la cosa più importante mentre è in trasferta è la possibilità di rimanere in contatto.

Elemento quest’ultimo che deve fare riflettere le agenzie di viaggio sulla nuova relazione da stabilire con i clienti, i quali a destinazione utilizzano una media di 15 differenti categorie di app per soddisfare i propri bisogni. Forse dovrebbe esserci anche quella che gli permette di accedere ai servizi del consulente di fiducia. p.ba.

COMMENTA

Ultime News

Guarda tutte