EDITORIA - EVENTI - SERVIZI  DAL 1972 AL SERVIZIO DEL TURISMO PROFESSIONALE

 
HOME > RUBRICHE - articoli

Ampliamento del business per Sporting Vacanze

Riposiziamento dell'operatore, passato dall'essere quasi mono-prodotto all'avere quattro esclusive per l’Italia e più di 90 contratti sulle Maldive. In cantiere una new entry in programmazione e una app

Sporting Vacanze espande il proprio business: “Il 2018 è stato l’anno zero - testimonia il general manager Andrea Vannucci -. Siamo passati dall’essere un operatore quasi mono-prodotto a essere sempre più forti sulle Maldive. Ci siamo riposizionati come t.o. che ha quattro esclusive per l’Italia e più di 90 contratti. Vogliamo porci quindi come uno dei partner più preparati”.

Non solo, a quest’operazione fa da corollario una programmazione che “è stata reinventata” e comprende altre destinazioni: “Siamo entrati nel programma ‘Dubai stop over’ di Emirates – prosegue il manager -, una meta questa che vorremmo promuovere sempre di più abbinandola a delle esperienze, sfruttando, inoltre, il richiamo di Expo 2020”. Durante quest’anno – aggiunge Vannucci – abbiamo identificato uno zoccolo duro di agenzie con cui abbiamo costruito la nostra proposta. E’ stato, per esempio, il caso di due-tre programmi in Sri Lanka e Oman, realizzati post fam trip”. Una chicca sono, inoltre, i tour fotografici in Sri Lanka, Oman e a Dubai, che vedono la presenza “di due noti professionisti dell’obiettivo, Pierluigi Orler e Claudio Colombo. Si tratta di veri e propri corsi di fotografia itineranti, con sessioni dedicate a come sfruttare al meglio il proprio smartphone”.

E Vannucci anticipa: “Quest’anno aggiungeremo anche le Maldive: si tratta di una destinazione che ben si presta a questo tipo di esperienza in isole locali che sono molto particolari”. Il prossimo catalogo, in uscita per i primi di ottobre, quali novità vedrà? “Riconfermiamo le nostre destinazioni e le quattro esclusive sulle Maldive (Finolhu Baa Atoll Maldives, 5 stelle il cui leit motiv è il divertimento, Adaaran Select Meedhupparu, prodotto di entrata di altissimo livello che dal 1° dicembre diventerà full all inclusive con dine around, Heritance Aarah, tipico resort maldiviano, e Amilla Fushi Resort, 5 stelle lusso ndr)”. Ma non è finita qui: “Stiamo pensando di inserire destinazioni che coprano la stagionalità delle mete che proponiamo. Un’idea ce l’abbiamo e guarda ad Est”. In termini di trend, Vannucci segnala la ripresa dello Sri Lanka, “soprattutto per i viaggi di nozze. Inoltre, dal 1° agosto sarà in vigore per il periodo di test di un anno la possibilità di ingresso senza visto per gli italiani”.

E’ in arrivo, poi, un’altra grande novità: “Per fine settembre-inizi di ottobre lanceremo la nostra prima app, cui stiamo lavorando duramente. Sarà disponibile su Google Play, App Store e avrà anche una versione desktop. Sarà perciò facilmente condivisibile con il cliente”.
Last but not least l’operazione Millemiglia con Alitalia: “Siamo il primo operatore a siglare un accordo di questo tipo. Speriamo che possa contribuire a incrementare i volumi già eccezionali sulle Maldive”.

Ma qual è la più grande sfida del momento? “Noi vogliamo lavorare con chi crede in noi e ci permette di dare una personalizzazione del servizio – risponde Vannucci -. Non a caso il nostro hashtag è #solonellemiglioriagenziediviaggio. Obiettivo costruire una marginalità che non solo garantisca l’utile, ma anche l’investimento nello sviluppo. Chiediamo alle agenzie di starci accanto”. E quale l’opinione sui grandi t.o. che aprono le loro Ota? “Non mi piace parlare della concorrenza. Guardo, osservo e rispetto le scelte altrui. Se si tratta di un competitor serio dal quale c’è da imparare, chapeau”. C’è ancora spazio, allora, per i piccoli t.o. per fare b2b2c? “E’ la nostra strategia. C’è mercato per tutti”. n.s.

COMMENTA

Ultime News

Guarda tutte