EDITORIA - EVENTI - SERVIZI  DAL 1972 AL SERVIZIO DEL TURISMO PROFESSIONALE

 
HOME > Magazine - Bit 2013

Estate mediterranea per Small Planet

11/02/2013 - numero Edizione 1393
Kos e Minorca le destinazioni più competitive
“Stiamo avendo un riscontro positivo dai tour operator per le nostre macchine Small Planet da 148 posti per l’estate 2013. La tendenza è comunque prudenza”, così Stefano Canessa, presidente della compagnia aerea che dal 2011 opera con un certificato di operatore aereo italiano rilasciato dall’Enac. Per l’estate che verrà, quindi, proporrà split charter su diverse destinazioni nel bacino del Mediterraneo, da diversi aeroporti italiani. “Sia nel weekend sia midweek, con la possibilità di spacchettizzare le classiche 7/14 notti anche in soggiorni di 4 notti, per long weekend sempre più di tendenza, o di 11 notti”.
I voli e le combinazioni sono già in vendita sul portale Flyplanet.com a partire da 40 euro. Gli aeromobili, tre Boeing 737-300, sono basati a Roma Fiumicino, Milano Malpensa e Bergamo Orio al Serio, mentre gli scali di partenza previsti per la summer sono Verona, Bologna, Torino, Venezia, Napoli e Bari alla volta della Grecia, Spagna con Baleari e Canarie, Egitto, Lourdes e Tel Aviv. Timori per la concorrenza di easyJet su Sharm da Milano, la lunga esperienza in brokeraggi charter di Canessa non ne fa sorgere. “Considerando che le tariffe non sono flat e nemmeno tutto incluso, possono essere vantaggiose se prenotate con largo anticipo e per pochi passeggeri”, spiega. Detto ciò, Sp vede le mediterranee Kos e Minorca tra le destinazioni più competitive del suo network.

Piattaforme voli prenotano anche hotel
Intanto registra ottimi risultati Scambioposti, “che continua ad essere uno strumento essenziale per i t.o”, che – come noto – scambiano qui l’invenduto. “Ci aspettiamo un ulteriore incremento rispetto al 2012 del numero di posti reintrodotti in commercializzazione”. Per il secondo anno di attività, inoltre, è stata incrementata la disponibilità di posti in vendita sul portale Flyplanet.com, con la possibilità di abbinare ai voli le strutture per costruirsi una vacanza su misura. La novità di quest’anno è rappresentata dal fatto che il sistema prevede la vendita di posti di altri vettori su corto, medio e lungo raggio.

Nord Europa per il Sud
Avvalendosi della casamadre con sede in Lituania, e la presenza del gruppo direttamente o indirettamente in vari paesi del Nord Europa, il vettore sta ragionando su un progetto che prevede di fornire un valido prodotto italiano destinato ai passeggeri di quell’area da portare nel Sud Italia. “Un Sud organizzato può offrire ai vacanzieri della fascia del Nord Europa una stagionalità che può variare dai sette agli otto mesi all’anno. Un business che può essere, secondo noi, un valido sostituto della programmazione del Mar Rosso”.

Crotone, sogno sfumato
Il piano dei voli verso Crotone è stato un sogno, nato a seguito della richiesta dell’aeroporto Sant’Anna per riprendere l’attività dopo l’abbandono del vettore precedente. Purtroppo i servizi l’8 gennaio sono stati sospesi. “Ci abbiamo creduto, ma prefissandoci degli obiettivi che non sono stati raggiunti – conclude Canessa -. Small Planet comunque non accantona del tutto il progetto del suo ingresso sul traffico di linea.
Crotone viene vista come una esperienza che ha aiutato a rivedere l’attuale struttura, utile a migliorare alcuni aspetti aziendali. Un test che non esclude un futuro progetto teso ancora a portare i Boeing 737 su rotte di linea, mantenendo la stessa struttura di offerta, ovvero un numero limitato di tariffe, il servizio di bordo tutto incluso e la possibilità di concedere il cambio giorno senza penale. Sicuramente un modo di porsi al consumatore diametralmente opposto alle regole di mercato low cost che oggi vanno per la maggiore”.

Paola Baldacci

TAGS

COMMENTA

Ultime News

Guarda tutte
Registrati

Follow Us