EDITORIA - EVENTI - SERVIZI  DAL 1972 AL SERVIZIO DEL TURISMO PROFESSIONALE

 
HOME > Magazine - Provati per voi - Santiago e Fatima

Pellegrini in viaggio tra Spagna e Portogallo

15/04/2013 - numero Edizione 1402
Visita con Brevivet a due luoghi ricchi di fede e storia
Finisterre e Costa della morte: questi i due nomi spaventosi dati a un pezzetto di terra spagnola in affaccio su un mare sconfinato. E’ l’estremo lembo di Europa a Nord-Ovest. Qui il mondo finisce, pensarono molti nel medioevo. E in tal caso occorre rigenerarsi spiritualmente, per meglio affrontare l’aldilà. E’quindi innanzitutto la collocazione geografica che ha reso Santiago di Compostela la Gerusalemme occidentale, meta di pellegrinaggi che continuano a tutt’oggi. E che hanno propiziato, a partire dal 1200, la costruzione di chiese stupende, tanto che l’intera città è monumento nazionale.
Di grande suggestione è anche tutto il “cammino”, il percorso cioè che gli antichi pellegrini e alcuni nostri contemporanei compiono a piedi per raggiungere il luogo sacro, conquistando la grazia simboleggiata dalla conchiglia di San Giacomo. Diversa l’origine, più recente, di Fatima, su un verde altopiano privo di particolari caratteristiche. Ma è qui che nel 1917 tre bambini hanno incontrato la Madonna e hanno ricordato al mondo l’importanza della preghiera. Da allora fiumane di persone si recano a venerarla, tanto che l’umile villaggio di pastori si è trasformato in un’attrezzatissima cittadina. L’anno scorso ha ospitato oltre 5 milioni di visitatori, che hanno trovato ampie strade, 22 megaparcheggi, soluzioni di ospitalità proporzionate al loro numero.
E persino una seconda cattedrale, modernissima, che deve il suo audace design all’architetto Alezandros Tombazis. Tombazis è un greco di religione ortodossa, ma l’ampio piazzale dove si venera la Vergine è studiato appunto per accogliere, oltre ai cattolici, tutti gli uomini di fede. La proposta di Brevivet di un educational per visitare questi due luoghi esprime già l’orientamento di questo particolare tour operator, che accoglie una richiesta molto contemporanea, di esperienza spirituale ma anche di conoscenza dei luoghi e della loro storia. I nuovi pellegrini, spinti dalla fede, sono anche affamati di cultura.
Sanno interpretare le testimonianze di chi ha effettuato quei percorsi prima di loro, apprezzano quando tali testimonianze sono di alto valore artistico, o anche di evidente capacità organizzativa. L’esperienza religiosa viene inserita in una profonda conoscenza del mondo reale. In risposta a tali richieste Brevivet provvede ad accompagnamenti realizzati da guide preparatissime, alla eventuale compresenza di sacerdoti, e a soluzioni logistiche di buon livello. In genere gli alberghi prescelti sono a quattro stelle, mai più distanti di 150 metri dal santuario. In tutti si effettua pensione completa, comprensiva anche delle bevande, degli ingressi ai vari monumenti, delle mance. Spesso si appoggia a suoi referenti locali, con una invidiabile conoscenza del posto: in questo educational l’agenzia collegata, la Scalavivet, ha provveduto a qualsiasi richiesta grazie alla sua esperienza della Spagna del Nord e del Portogallo.

Franca Rossi

TAGS

COMMENTA

Ultime News

Guarda tutte