EDITORIA - EVENTI - SERVIZI  DAL 1972 AL SERVIZIO DEL TURISMO PROFESSIONALE

 
HOME > Magazine - Zoom Turchia

Turismo in salute

22/04/2013 - numero Edizione 1403
Più visitatori, anche dal Belpaese. E aumenta il budget per attività sul nostro mercato
Visitatori in aumento nel 2012, visitatori in aumento ad inizio 2013. I dati diffusi dal ministero della Cultura e del Turismo della Repubblica di Turchia rendono conto di un Paese turisticamente in buona salute. I turisti internazionali lo scorso anno sono stati 31 milioni 782mila 832, con un incremento di 1,04% rispetto all’anno precedente. Gli italiani non hanno sfigurato, con 714mila 041 arrivi, anche se il Belpaese non rientra nella top ten, guidata da Germania, Russia e Gran Bretagna, che insieme rappresentano circa il 35% degli arrivi totali.
Il nuovo anno è partito in maniera più che positiva, riferisce una nota dell’ente del Turismo. A gennaio i visitatori hanno superato il milione 104mila, +12,54%, mentre a febbraio si è superata la soglia di un milione 260mila turisti, in crescita del 27,15% su febbraio 2012. Incrementi a due cifre hanno riguardato in questo mesi anche il nostro mercato, “il che dimostra l’interesse sempre più ampio verso la Turchia”.

Istanbul, ma non solo
Istanbul si conferma quale “meta turistica privilegiata”: la città offre un calendario sempre più ricco di eventi e manifestazioni, su cui si punta per dare anche a chi già la conosce un nuovo motivo di visita. La Biennale del Design, tenutasi lo scorso autunno, “è stata un successo di critica e di pubblico, così come c’è grande attesa per la 13esima edizione della Biennale dell’Arte che si svolgerà dal 14 settembre al 10 novembre 2013”. Non mancano appuntamenti legati al cinema, al teatro, alla musica, mentre più prosaico, ma comunque di grande richiamo, è l’Istanbul Shopping Festival, che torna dall’8 al 30 giugno dopo il successo delle prime due edizioni. “Numerosi i concerti e gli eventi legati al festival – rimarca l’ente -, in modo da offrire ai turisti di tutto il mondo tante occasioni di divertimento, tra un acquisto e l’altro”.
Istanbul a parte, la Turchia conferma, tra le mete più amate dai turisti internazionali, la Cappadocia, Pamukkale e le province di Izmir, di Muðla e di Antalya, “che abbinano divertimento, relax e cultura, con la presenza di tanti siti archeologici unici al mondo, su cui il ministero ha investito molto negli ultimi anni, come ad esempio Efeso, Troia, Pergamo, Hierapolis, Afrodisias, Xanthos e Latona, Aspendos e il percorso della Via Licia”.
Tra le nuove destinazioni si evidenziano invece la costa turca del Mar Nero, l’Anatolia sudorientale, con le città di Mardin, Gaziantep, Sanliurfa e il Monte Nemrut, uno dei 10 siti Unesco della Turchia, e l’Anatolia orientale, con l’altopiano di Erzurum, il Monte Aðri (Monte Ararat) e il lago di Van. Immancabile un cenno al mare, agli 8mila km di costa e alle rinomate località di Bodrum, Marmaris e Fethiye, ma anche Cesme, Kusadasi, Kemer, Kas e Kekova, nomi che ricorrono spesso nelle brochure degli operatori dedicate alla destinazione.

Facebook, aperta la pagina ufficiale
“Per il 2013 – illustra l’ente del Turismo - si stanno predisponendo una serie di attività come workshop, roadshow e corsi di e-learning in collaborazione con i tour operator principali, poiché il ministero dà grande importanza alle attività di co-advertising a supporto dei programmi verso la Turchia”. Per l’Italia l’ente ha a disposizione un budget di 1,2 milioni di dollari, superiore al milione del 2012. L’Ufficio Cultura e Informazioni dell’ambasciata di Turchia, infine, ha aperto ufficialmente la pagina Facebook “dove operatori, agenti e pubblico possono ottenere informazioni aggiornate sulle destinazioni e sulle più importanti attività culturali ed artistiche, e allo stesso tempo trovare novità, curiosità, link utili, video e tante fotografie”.

Emanuela Comelli

TAGS

COMMENTA

Ultime News

Guarda tutte