EDITORIA - EVENTI - SERVIZI  DAL 1972 AL SERVIZIO DEL TURISMO PROFESSIONALE

 
HOME > Magazine - A colloquio con

Brevivet, focus adv

16/09/2013 - numero Edizione 1417
Una strategia commerciale orientata al segmento delle adv ed una serie di progetti sul fronte della programmazione e della tecnologia. E’ la strada seguita da Brevivet secondo quanto annunciato da Barbara Chiodi, neo responsabile organizzativa. “Con il mercato agenziale stiamo rafforzando i rapporti commerciali attraverso una forza vendite più capillare - spiega la manager -. Inoltre stiamo potenziando accordi di partnership e sinergie con i maggiori network per uno sviluppo del prodotto”. Attualmente Brevivet lavora “fattivamente con circa 1.200 agenzie su tutto il territorio, che costituiscono circa un 30% del movimento totale”.
La concentrazione maggiore è nel Nord Italia, “per la particolarità del prodotto - spiega Chiodi -. Nonostante la situazione economica contiamo comunque per fine anno di incrementare di un 5% il fatturato agenziale”. Quanto alla politica commerciale la linea è quella di rivederla “soprattutto con quelle agenzie che credono nel prodotto Brevivet. Vogliamo rafforzare con loro la collaborazione non solo in termini di commissioni o fee, ma con un’analisi delle risorse locali di ogni singola agenzia. Il nostro ufficio commerciale - prosegue Chiodi – dedica una consulenza a quegli agenti che si avvicinano per la prima volta a questo mercato particolare. Inoltre, tramite il web stiamo potenziando la comunicazione e, a breve, la gestione online delle prenotazioni”.

Roma in crescita
Lourdes e Terra Santa. Sono i prodotti che quest’anno stanno “tenendo bene, ma anche Giordania e Turchia registrano buoni numeri”, così come il mercato dell’Est, “con iniziative in Russia e Armenia oltre alla Polonia che ha sempre un richiamo legato a Giovanni Paolo II”. Come sottolinea Chiodi è “in buona ripresa anche il mercato prettamente turistico con partenze in pullman da diverse città per Europa e Italia”. Parlando del nostro Paese è lecito pensare che l’effetto Papa Francesco e l’abbinata con l’Anno della Fede possano aver dato un’impennata numerica ai pellegrinaggi a Roma.
La manager concorda in merito: “Rispetto al 2012 la destinazione Roma ha avuto un incremento del 20%”. Di quanto avete potenziato i programmi su Roma? “Abbiamo previsto due itinerari in pullman e uno in treno: ma il grosso arriva da gruppi e organizzazioni che nell’Anno della Fede vogliono includere Roma nei loro programmi. Pertanto, avendo un ufficio gruppi, sviluppiamo programmi e itinerari extra programmazione”.
Il t.o. sarà a NoFrills dove presenterà parte della programmazione 2013/14 dove, oltre alle mete tradizionali, conta “di potenziare il mercato del Medio Oriente (soprattutto Giordania e Turchia) e dell’Est. Un’attenzione anche all’incoming - annuncia Chiodi - con uno sviluppo di itinerari religiosi in Italia e nelle mete cattoliche europee destinato al mercato sudamericano (Argentina e Brasile)”. Tra le mosse il potenziamento del web e il rinnovamento del sito. Per quanto riguarda il booking online Brevivet sta testando con le adv le dinamiche per arrivare a un servizio che ne soddisfi le necessità. “Contiamo per fine anno di essere online”, fa sapere la manager. Il t.o. si è attivato anche sui canali social.

Stefania Vicini

TAGS

COMMENTA

Ultime News

Guarda tutte