EDITORIA - EVENTI - SERVIZI  DAL 1972 AL SERVIZIO DEL TURISMO PROFESSIONALE

 
HOME > Magazine - Speciale - Autonoleggio

Breve termine a prova di crisi

26/05/2014 - numero Edizione 1445
Numeri positivi nel 2013. Nuovo anno ancora a segno più
Dopo un 2013 in cui il giro d’affari del settore del noleggio veicoli a breve e lungo termine ha superato la soglia dei 5 miliardi di euro (+3,6% sul 2012), con un parco circolante di 668.000 veicoli e le sole immatricolazioni in sofferenza (-8,4%), nei primi tre mesi del 2014 gli indicatori mostrano segnali incoraggianti: aumenta nuovamente il fatturato (+2,5%), resta stabile la flotta circolante, mentre tornano a crescere le immatricolazioni di veicoli (+6.000 unità). Tali indicatori positivi, riferisce ancora l’Aniasa, si ritrovano anche nel settore del breve termine, a conferma del trend 2013: il fatturato ha messo a segno un +1,3%, con una crescita dei giorni (+1,1%) e del numero dei noleggi (+1,6%), dati che fanno ben sperare per la stagione estiva. Ottimismo e soddisfazione che ritroviamo anche nelle parole dei manager che abbiamo interpellato.
“Il trend delle prenotazioni dei primi quattro mesi dell’anno per noi è stato eccezionale – afferma Raffaella Tavazza, Locauto Rent a car -. Da gennaio ad aprile abbiamo ricevuto quasi il doppio delle prenotazioni rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente, e parliamo di prenotazioni per tutto l’anno, quindi anche in proiezione estate, mentre il numero dei noleggi fatti nei primi quattro mesi è cresciuto di oltre il 50%. Sicuramente i vari ponti primaverili hanno aiutato molto”. La società sta registrando una domanda molto forte per il Centro-Sud Italia, in particolare per le due isole maggiori. “Ci stiamo preparando a sostenere la crescita con un aumento importante di flotta, superiore al 30%”, aggiunge ancora la manager.

Primavera, tra Pasqua e ponti
Un andamento di ripresa “lieve ma significativo” è quanto ha registrato Hertz nei primi mesi del 2014. “Quest’anno a contribuire maggiormente ai risultati positivi – anche grazie ai ponti primaverili - è stato un fenomeno ormai stabile da un paio di anni: quello dei noleggi brevi - afferma Massimiliano Archiapatti -. Il vecchio concetto di viaggio, ormai, è infatti mutato profondamente; oggi non assistiamo più al fenomeno di vacanza di lunga durata, ma alla predilezione di una formula breve, ma più frequente (es. ponti lunghi o weekend all’estero)”.
Il nuovo anno di Europcar è iniziato con un andamento in linea con il budget previsto e un trend di prenotazioni in crescita. “La Pasqua alta ha chiaramente inciso sui numeri di marzo”, ci ha detto Cesarini. Per il manager l’accorpamento dei ponti in un unico periodo di vacanza “non è stato del tutto favorevole per il numero di noleggi sia per il mercato leisure che per quello corporate”. Ciò detto, “la Pasqua è andata comunque molto bene con un incremento delle prenotazioni, come previsto, sia incoming sia domestiche. Il Nord Italia tiene con tassi di utilizzo elevati mentre le isole segnano una leggera flessione”. In merito all’alta stagione Cesarini rimarca un certo ritardo per il mese di giugno, mentre per luglio e agosto le previsioni sono buone e i primi segnali fanno ben sperare: “Le prenotazioni stanno andando bene e stimiamo di fare un’estate positiva soprattutto per quanto riguarda l’incoming”.

Emanuela Comelli

TAGS

COMMENTA

Ultime News

Guarda tutte
Registrati

Follow Us