EDITORIA - EVENTI - SERVIZI  DAL 1972 AL SERVIZIO DEL TURISMO PROFESSIONALE

 
HOME > Magazine - Primo piano - Consuntivo NoFrills 2014

Pacchetto: il prezzo si riposiziona

06/10/2014 - numero Edizione 1455
Le analisi di GfK Retail & Technology e di Federviaggio
La ripresa è lenta ma fa sentire i primi effetti benefici sui conti del turismo organizzato, passato negli ultimi tre anni da un calo a doppia cifra a un -1% di fatturato. E’ il quadro che emerge dai numeri illustrati da GfK Retail & Technology nel corso di NoFrills, merito soprattutto di un prezzo medio incrementato del 4% rispetto all’anno scorso. I dati, aggiornati alle prenotazioni di agosto e relativi alle partenze maggio-ottobre, evidenziano una flessione di passeggeri e fatturato rispettivamente del -5% e del -1%, con un aumento del prezzo medio del 4%. “C’è un importante riposizionamento del prezzo – sottolinea Daniela Mastropasqua, account manager GfK Retail & Technology -, che determina la stabilità del mercato, in termini di fatturato”.
Sul fronte destinazioni, dominano la hitlist la vacanza in Italia, la crociera nel Mediterraneo e la vacanza in Spagna, tutte di una settimana, seguite da quella in Italia ma short break, e da quella in Grecia, sempre di una settimana. “Da notare – prosegue Mastropasqua - che l’anno scorso al quinto posto figurava la vacanza in Egitto di una settimana, che oggi è scesa al settimo”. Le previsioni per l’autunno-inverno stimano un +0,4% di passeggeri prenotati da settembre a dicembre. Guardando i singoli mesi, settembre si attesta su un -12%, ottobre su un +17%, novembre su un +51% e dicembre su un +45%. Il dato negativo di settembre, raffrontato con quello positivo di fine anno, va letto anche alla luce del fatto che la vacanza di settembre si prenota abbastanza sotto data, mentre quella di dicembre, periodo in cui ci si sposta al caldo, solitamente è pianificata con un certo anticipo. Nel corso dell’evento, inoltre, Federviaggio ha illustrato alla platea il neonato indice di fiducia, nato con l’obiettivo di essere “uno strumento utile per dare indicazioni tempestive e fruibili per indirizzare gli investimenti e per individuare nuove opportunità per le aziende del turismo”, ha spiegato il direttore generale Francesco Sottosanti. Dagli ultimi dati di agosto emerge una leggera diminuzione della propensione al viaggio da parte degli italiani, passando da 59 del mese di luglio a 58 (indice calcolato su base 100). La situazione internazionale e la recessione economica in cui si trova il Paese hanno contribuito a far scendere l’indice di fiducia per il 44% degli intervistati. Anche il maltempo ha avuto un ruolo in questo risultato. Si dimezza inoltre per i prossimi mesi la durata media di un viaggio, che passa da 8 notti di agosto a 4 notti per i mesi di settembre/ottobre. In aumento anche la tendenza ad utilizzare internet (49% contro il 47% di luglio) per prenotare il prossimo viaggio.
“Sono segnali che dobbiamo cogliere in tempo utile per essere pronti ad affrontare la sfida di Expo”, conclude Sottosanti.

Laura Dominici

TAGS

COMMENTA

Ultime News

Guarda tutte
Registrati

Follow Us