EDITORIA - EVENTI - SERVIZI  DAL 1972 AL SERVIZIO DEL TURISMO PROFESSIONALE

 
HOME > Magazine - Zoom Skipass Neve

Notizie dagli operatori e dai territori

27/10/2014 - numero Edizione 1457
Ski resort Usa
Occorrono investimenti e rinnovamenti costanti per far crescere il turismo in montagna. Ne sanno qualcosa località statunitensi come Vail, Mammoth Mountain (quest’ultima presente a Skipass 2014), Aspen e Whistler Blackcomb, che hanno visto incrementare fatturati e numero di presenze, mentre molte piccole località si stanno spegnendo o si trovano nelle condizioni di dover chiudere. “E’ successo anche ad una piccola località nei pressi di Mammoth Mountain (June Mountain, ndr), costretta a chiudere gli impianti per una stagione, prima che il grande resort californiano ne rilevasse il capitale e le quote, e la rilanciasse”. A parlare è Michael Vanderhurst, direttore vendite e marketing internazionale di Mammoth Lakes Turismo, che conclude: “L’ultimo numero della prestigiosa rivista americana Ski ha pubblicato la classifica delle località preferite e frequentate del Nordamerica. Ai primi posti, sempre più staccate dalle altre, troviamo le località che hanno investito e continuano a rinnovarsi. Del resto è proprio in questa direzione che vanno le scelte imprenditoriali più lungimiranti, come nel caso del Cali4nia Pass, che unifica gli impianti di risalita di Mammoth Mountain, Bear Mountain, Snow Summit e June Mountain, i quattro resort più conosciuti delle montagne californiane che, da questa stagione sciistica, saranno accessibili con un solo biglietto”.
Il nuovo ticket “permetterà di sciare su quattro montagne, che metteranno a disposizione dei quasi 2 milioni di utenti delle quattro località circa 2.400 ettari di area sciabile, un dislivello complessivo di 2.540 metri, 61 impianti di risalita, 15 snowpark con 6 half pipe e due super pipe”. P.F.

Il comprensorio Trevalli a misura di famiglia
La ski area Trevalli è stata posizionata, dalla rivista semestrale tedesca Outdoor Family, tra le dieci migliori stazioni sciistiche a misura di famiglia in Europa. Una vocazione che rende le tre località di Falcade, Passo San Pellegrino e Moena-Alpe Lusia il luogo ideale dove grandi e piccoli possono vivere una vacanza sulla neve. Da segnalare, la promozione "Ski Special for Kids" grazie alla quale per i bambini fino a 8 anni lo skipass e l'alloggio sono in omaggio se abbinati all'acquisto di uno skipass per adulti. Da dicembre ad aprile si scia nel cuore del Dolomiti Superski su 100 km di piste da discesa sempre perfettamente innevate e in grado di soddisfare gli sciatori di qualsiasi livello. Il comprensorio sciistico al confine tra Veneto e Trentino dispone di 100 km di piste da discesa (18 piste rosse, 29 piste blu, 7 piste nere), 24 impianti di risalita, 60 km di tracciati per lo sci nordico, 3 snowpark, 2 piste per lo snowtubing, 2 parchi gioco/asili sulla neve, 1 pista per il pattinaggio su ghiaccio, 3 scuole sci e snowboard, 1 scuola di sci nordico e 29 baite-rifugi. L.D.

Lombardia, obiettivo un’offerta integrata
“Integrare l’offerta per diventare più visibili sul mercato mondiale”. E’ l’obiettivo dell’assessore al Commercio terziario della Lombardia, Mauro Parolini, per il prodotto montagna della sua regione. “Qualche iniziativa è già in corso – commenta l’assessore - e per le future stagioni verranno integrate le offerte di diverse stazioni sciistiche e verrà proposta una possibilità di vacanza sempre più pensata come esperienza, che affianchi allo sport il termalismo, lo shopping e la fruizione della natura anche per chi non pratica gli sport invernali”. Intanto per la stagione alle porte le principali località si attrezzano con promozioni per il target famiglie. In Valmalenco si parla di Snowboard D Day, grazie all’iniziazione allo snowboard per giovani; a Madesimo l’ecoskipass offre a 4-5 sciatori che arrivano con una sola auto uno sconto sullo skipass; a Bormio è in vigore la tessera pass sci+terme e a Pontedilegno/Tonale, così come nella valle bergamasca, sono previste offerte per famiglie. “In linea generale si prevede quest’anno un incremento di turisti stranieri – avverte Parolini – e un calo di presenze italiane, a parte il flusso dei giornalieri, in tenuta, e quello dei gruppi nel Tonale”.
Tra le novità tecnologiche, la proposta di adottare uno skipass unico per tutti gli impianti di risalita di comprensori molto ampi (come la Valtellina) in modo che gli sciatori possano decidere liberamente su quali impianti andare per trascorrere vacanze dai tre giorni in su. L.D.

iGv: buone attese per la stagione
La proposta neve de I Grandi Viaggi si basa su due villaggi, il Relais des Alpes a Madonna di Campiglio e l'hotel La Trinitè a Gressoney, “essendo di nostra proprietà fanno parte della nostra programmazione abituale - spiega il direttore commerciale Massimo Zanon -. Il primo si trova al centro di Madonna di Campiglio a circa 100 metri dagli impianti sciistici ed è una struttura costruita alla fine dell'800 come residenza estiva della principessa Sissi”.
Come sottolinea il manager, è stata “rinnovata negli anni per mantenerne il livello dei servizi, ma conserva il fascino della struttura d’epoca. Dispone di camere doppie, triple e quadruple e alcune suite per chi vuole un comfort maggiore. Viene proposta in mezza pensione e dispone di tutti i servizi che caratterizzano i nostri prodotti (animazione per grandi e piccoli, cucina di qualità, biberoneria, servizi)”. La seconda struttura si trova in Val d'Aosta, precisamente a Gressoney Staffal. “A circa 50 metri dagli impianti, l’hotel è molto adatto per le famiglie e per tutti coloro che amano sciare - osserva Zanon -. Le camere sono tutte quadruple. Come per il Relais des Alpes prestiamo particolare attenzione a cucina ed animazione ed in più, oltre al miniclub, la struttura dispone di una vera e propria nursery con fasciatoi, culle sala giochi, scalda biberon e scalda vivande aperta 24 ore su 24”. Interpellato sul trend di mercato per questo tipo di prodotto, il manager fa presente che “le vendite neve sono state aperte solo pochi giorni fa per cui è difficile parlare di andamenti, però le richieste arrivano numerose (anche di gruppi) per cui pensiamo ad una stagione molto positiva”.S.V.

La neve dell’Est: sciate balcaniche
Che cosa evocano, dal punto di vista turistico, Serbia, Bulgaria, Turchia? Cultura, storia, città, tradizioni, naturalmente. Ma anche tanta natura, seducenti paesaggi, pianure, laghi, fiumi e… montagne. Sono infatti le montagne, ed in particolare la catena delle Alpi Dinariche, dei Carpazi e del Caucaso, le protagoniste di un viaggio suggestivo, con sci, scarponi, bastoncini, guanti e tuta, che parte dall’Adriatico, attraversa la parte centrale dell’Europa, e termina nell’entroterra del Mar Nero, a Krasnaja Poljana, nei pressi di Sochi, sede delle ultime Olimpiadi invernali.
Ampio ventaglio di opportunità
Il territorio della ex Jugoslavia, comprende diverse stazioni di sport invernali che costituiscono un variegato ventaglio di opportunità sciistiche che coinvolge la Serbia, la Croazia, la Bosnia-Herzegovina, la Macedonia, il Montenegro.
Non va dimenticato che Sarajevo ed altre località dell’allora nazione jugoslava ospitarono le Olimpiadi invernali del 1984, (caratterizzate, tra l’altro, da nevicate molto abbondanti), che sdoganarono, di fatto, questa importante catena di montagne, qualificandola come comprensorio sciistico di rilevante interesse.
Kopaonik, nel cuore del Parco serbo omonimo, è considerata la più completa ed attrezzata tra queste località sciistiche.
E’ dotata di un sistema impiantistico qualificato e moderno, e di una rete di tracciati per lo sci alpino che supera i 60 chilometri.
Si trova a circa 280 chilometri da Belgrado, e poco più di 300 dalla costa adriatica del Montenegro. P.F.

La Valle d’Aosta si promuove
Autunno denso di iniziative promozionali per l’assessorato del Turismo, sport, commercio e trasporti della Valle d’Aosta, operatori del settore (Consorzi territoriali, Club di prodotto, società degli impianti a fune e Adava) e Chambre Valdôtaine che hanno sviluppato sinergie, con compartecipazione dei costi, per affrontare una campagna di eventi volta a rafforzare l’immagine della regione sui mercati nazionali ed esteri.
“La risposta ottenuta sino ad ora – spiega in una nota l’assessore Aurelio Marguerettaz - è stata molto positiva; questa nuova modalità operativa ha consentito altresì di sviluppare sinergie e collaborazioni interne tra gli operatori delle varie aree turistiche che con convinzione aderiscono, pagando pro-quota, ad iniziative promozionali congiunte targate valle d’Aosta”.
Il primo appuntamento è stato un workshop a Stoccolma al quale hanno preso parte 23 buyer dell'intermediazione turistica scandinava: i flussi turistici provenienti dall'area scandinava sono in costante e significativa crescita negli ultimi due anni, in inverno soprattutto. Focus anche su Giappone e Corea del Sud, con una missione svoltasi dal 5 al 10 ottobre, mentre a breve sarà la volta di Skipass di Modena: a questo appuntamento, la Valle d'Aosta si presenta con tutte le società degli impianti a fune e con l'associazione dei maestri di sci, che, insieme, sosterranno i costi della partecipazione. Sempre alla fine di ottobre, precisamente tra il 20 e il 31 ottobre, l'Assessorato del turismo è presente agli ski show inglesi di Manchester e di Londra: il mercato inglese rimane in assoluto il primo mercato di provenienza dei turisti stranieri della neve per la regione e le prenotazioni per il prossimo inverno sono decisamente incoraggianti.E.C.

TAGS

COMMENTA

Ultime News

Guarda tutte