EDITORIA - EVENTI - SERVIZI  DAL 1972 AL SERVIZIO DEL TURISMO PROFESSIONALE

 
HOME > Magazine - Speciale-Est Europa e Russia

T.o: più voli a Sud

07/03/2016 - numero Edizione 1498

La richiesta sulle destinazioni non manca

Albania, Montenegro, Macedonia e poi via via tutti gli altri Paesi dell’area: sono queste le mete più richieste dell’Est Europa secondo Estland, mentre Sos Travel indica la Repubblica Ceca, con Praga, e la Polonia, con Cracovia e Varsavia. In casa Ernesto Travel destinazione principe è la Polonia (dove il t.o. ha sede), ma si segnala negli ultimi anni “interesse anche per Paesi Baltici, in particolare per Vilnius, Riga, Tallinn, per la Finlanda e la Russia con San Pietroburgo”. Metamondo conferma la richiesta sul Paese delle steppe e della Siberia, ma evidenzia per il 2016 l'aumento della domanda per l’area balcanica, con Albania, Montenegro, Serbia, Bosnia-Erzegovina “ricchi di siti Unesco, aree archeologiche ben preservate e parchi naturali protetti”.

I collegamenti aerei
La richiesta per Paesi dell’Est Europa e Russia, dunque, non manca, ma il volato è sufficiente? «I collegamenti con l’Est Europa sono essenziali, ma buoni e distribuiti sugli aeroporti principali – rispondono da Sos Travel -. Non c’è abbondanza, ma comunque si riesce ad avere una buona programmazione da tutta Italia. Più penalizzate sono le regioni del Sud, in particolare Puglia, Calabria e Sicilia.
Secondo Ernesto Travel si avverte una mancanza per quanto attiene la programmazione gruppi: “La maggior parte dei servizi è operata da low cost che quasi non lavorano con questo segmento  o impongono ad esso le stesse regole degli individuali. Non sufficienti anche i collegamenti fra Polonia e Sud Italia, mentre Milano e altre città del Nord sono servite abbastanza bene”.
Per Estland “l’offerta è buona su alcune destinazioni, ma su altre pessima: la Slovenja da Roma, per esempio”. Positivo il giudizio generale di Metamondo sulla quetione: “Tutti i grandi vettori collegano le capitali dell’Est con regolarità, con una buona schedulazione di voli su Mosca e San Pietroburgo e anche nelle varie regioni dei Balcani”.

Il viaggio in bus
Con le compagnie a basso costo, i viaggi in bus resistono ancora?“Sì – risponde Estland -, anche se prevalentemente dal Nord Italia; dal Centro Sud molto di meno, a causa delle distanze  e dei costi”. Si tratta di una tipologia che funziona ancora anche per Metamondo, anche se l’offerta low cost consente “la programmazione di proposte più competitive”.  Ernesto Travel fa un distinguo: “Molti gruppi italiani arrivano in Polonia con il bus, con una notte di transito a Praga, Budapest o Vienna, visitano il Paese e al rientro sostano nuovamente in qualche città più vicina all'Italia. Per quanto riguarda i Paesi Baltici la soluzione con bus italiano è troppo’pesante’ per le distanze e la qualità delle strade”. In questo caso  si consiglia l’aereo.
Sos Travel, con programmazione prevalente di tour con voli, anche lowcost, organizza circuiti in bus che comprendono Austria, Repubblica Ceca e Polonia “anche in occasione di ponti e festività, quando i voli avrebbero costi più alti”.                              .                            



Nicoletta Somma

TAGS

COMMENTA

Ultime News

Guarda tutte
Registrati

Follow Us