EDITORIA - EVENTI - SERVIZI  DAL 1972 AL SERVIZIO DEL TURISMO PROFESSIONALE

 
HOME > Magazine - Economia

Target ambizioso per Hrs

18/04/2016 - numero Edizione 1502

Essere il primo provider bt entro il 2018

Una partnership da poco rafforzata (con Concur, provider di soluzioni alberghiere), il lancio di una piattaforma per abbattere costi e tempistiche del booking alberghiero e delle location per meeting ed eventi (Meetago) e, se non bastasse, l’elezione a miglior portale di prenotazione alberghiera da una giuria di travel manager di alta seniority. Gli sforzi per conquistare il mercato intrapresi da Hrs sono molti… “In questi 4 anni di attività sul mercato italiano – replica Flavio Ghiringhelli, che di recente ha assunto la carica di vice president of corporate solutions, South-West & Eastern Europe di Hrs – stanno venendo fuori i frutti”. In cosa consista il valore aggiunto della piattaforma, lo spiega subito dopo: “Non siamo un semplice portale di prenotazione, ma un sistema mirato alla risoluzione di problemi. Questo nasce da una metodologia di lavoro, sperimentata negli Usa, che ci ha permesso di entrare in contatto con il mondo alberghiero e con quello corporate”. La logica consulenziale è la filosofia che pervade l’a-zienda. Siete in qualche mo-do paragonabili alle Tmc? chiediamo. “In realtà con loro interagiamo, a noi non interessa ampliare il core business della nostra attività”.
Hrs ha un’offerta alberghiera che spazia dal mondo leisure al business. Su quest’ultimo fronte in particolare ha raggiunto un ruolo da leader “e l’obiettivo – annuncia Ghiringhelli – è quello di diventare, entro il 2018, il provider numero uno per il business travel”. Per raggiungere lo scopo la società scandaglia tutte le nuove tendenze. “Stiamo notando che il mondo business ha una maggiore esigenza rispetto al passato di long stay per i dipendenti che devono implementare aziende o sistemi. Di questo teniamo conto. Dallo scorso anno – aggiunge – abbiamo intensificato gli investimenti in ambito consulenza e tecnologia”.

Il rapporto
con le agenzie

Sul rapporto con le agenzie, il manager spiega che le aziende possono utilizzare il loro sistema o chiedere di lavorare in simbiosi con le Tmc. Due le possibilità di collaborazione con l’azienda: “Possiamo offrire servizi alle aziende tramite le adv riconoscendo incentivi dal 4 al 7%, oppure creare una partnership solida con le Tmc per far sì che Hrs diventi gestore della parte alberghiera per conto dell’agenzia e in questo caso la remunerazione cambia”.
Hrs ha 25 uffici nel mondo e i mercati europei più forti sono Germania, Francia, Inghilterra e Italia. In fase di valutazione aperture nel Sud-Est asiatico e in Medio Oriente.
Tra le soluzioni più innovative proposte, il “sourcing”, “una soluzione ottima per hotel e aziende – dichiara - che consente, attraverso la negoziazione delle tariffe, di risparmiare anche il 9%, percentuale che deriva dal 6,8% di risparmi sui costi diretti e dal 2,2 dei costi indiretti”. Il database di Hrs è composto globalmente da 300mila strutture, ma in Italia ne vengono distribuite 20mila.        



Laura Dominici

TAGS

COMMENTA

Ultime News

Guarda tutte