EDITORIA - EVENTI - SERVIZI  DAL 1972 AL SERVIZIO DEL TURISMO PROFESSIONALE

 
HOME > Magazine - PAESI AL MICROSCOPIO - Messico

Si rafforzano le partnership con i t.o.

21/11/2016 - numero Edizione 1515

Presentati gli asset del piano di marketing strategico

Maggiore connettività, puntando a nuove destinazioni, rafforzamento delle partnership nel settore, più informazione legata alle destinazioni, promozioni speciali e programmi indirizzati ai consumatori. Sono questi gli asset su cui farà leva il piano di marketing strategico annunciato dall’ente del Turismo del Messico per crescere sul mercato italiano. Si lavora su differenti strumenti per aumentare le visite nel Paese, eventi di impatto, partnership commerciali, iniziative di richiamo che vanno a sensibilizzare alcuni degli aspetti più cari al turista italiano come per esempio la gastronomia. “Nel corso degli ultimi due anni abbiamo raggiunto un successo in Italia, alimentato da iniziative come la Settimana della Gastronomia Messicana, che ha permesso a un vasto bacino di pubblico di apprezzare la nostra cucina, e alla sponsorizzazione di documentari tv incentrati su Città del Messico, Puebla e Yucatan”, elenca Lourdes Berho, ceo dell’Ente del Turismo del Messico. I nostri connazionali amano la velocità e i motori, eventi come il ritorno della Formula 1 lo scorso anno a Città del Messico fungono da richiamo da parte di un Paese che ha rafforzato la sua posizione come destinazione globale per eventi di alto profilo. La kermesse ha visto 500 mln di persone in più di 185 Paesi.

Si lavora al Crm
I punti di contatto tra Italia e Messico sono tanti. Dal canto suo il Paese prosegue nell’analisi di come meglio posizionare “il Messico in Italia e viceversa”. Per questo l’ente del Turismo sta portando avanti una ricerca per comprendere e focalizzare i diversi segmenti di mercato che caratterizzano i bacini di riferimento, “per poter usare gli strumenti giusti - fa presente la manager - per i diversi mercati. La ricerca si concluderà a dicembre e porterà alla realizzazione di una piattaforma digitale che sarà lanciata sul nostro sito web e che funzionerà come Crm in cui saranno raccolte le informazioni per i diversi segmenti di mercato”. Sarà nuova, all’avanguardia e in costante trasformazione promette la manager. “Stiamo lavorando su questo strumento per essere più incisivi”. L’obiettivo è aumentare le presenze e le partnership in modo più integrato. E’ questa la strada che sarà percorsa nei prossimi due anni, “con obiettivi a breve e medio termine”. A detta della manager “i partner italiani hanno lavorato bene, ora sta a noi consolidare i risultati ottenuti”.
Tra le opzioni proposte ci sarà anche la volontà di rifarsi alle celebrità “come ambasciatori” del Paese, facendo leva sul cinema e sull’effetto amplificatore che possono avere film come quello di James Bond 007 Spectre.
Si farà promozione, puntando su canali quali la radio, l’outdoor advertising negli aeroporti, ma soprattutto ci sarà un grande ascolto dei diversi mercati, un confronto diretto come quello che l’ente sta portando avanti con il Mexico Day in più città europee per incontrare gli addetti ai lavori.

Il confronto con i t.o.
Si conferma di primaria importanza il rapporto con il versante del tour operating italiano. Sono 150 gli operatori che programmano la destinzione e le partnership esistenti saranno rafforzate grazie allo stanziamento di “fondi per t.o. e linee aeree. Realizzeremo viaggi mirati per il trade in diverse regioni del Paese, per non promuovere solo Cancun o la Riviera Maya, ma anche per esempio Città del Messico”. La manager cita nomi come Puerto Vallarta, Los Cabos, il circuito coloniale in cui saranno fatti i famtrip. Buone notizie arrivano sul fronte del budget dedicato al nostro mercato. “Nel 2015 è stato di circa 180mila euro”. L’intenzione “è investire di più per aumentare i collegamenti con le compagnie partner. Far conoscere alle adv i nostri alberghi, invitarle nel Paese, (circa il 25% del canale agenziale, ndr) durante l’anno in diverse mete per scoprire la multidestinazione”. Alcune saranno invitate in Riviera Maya, Yucatan e nella parte dell’estremo Sud della Riviera Maya, altri fam trip interesseranno il centro del Paese e Città del Messico, le rotte coloniali o la costa pacifica. Saranno fatti viaggi anche nei 5 stati del Mondo Maya.
Il budget di investimento per il 2017 non è stato ancora deciso. Secondo quanto annunciato dalla manager, il 6-7 dicembre a Campeche si riunirà il comitato di pianificazione, ed alcuni t.o. saranno invitati a prenderne parte, tra cui anche gli operatori italiani.
Secondo quanto dichiarato, il budget per il marketing 2017 destinato al mercato italiano crescerà di un 35-50%, a testimonianza dell’importanza che riveste il nostro Paese.

Lo sviluppo
Tra gli stati del Paese che saranno maggiormente sviluppati in futuro ci sono Los Cabos, la cui capacità alberghiera è in aumento del 20%, per un’offerta di alto livello e “dall’ottima combinazione tra oceano e deserto. E’ più vicina al mercato americano ed è una destinazione da vip, con resort esclusivi, ma accessibili”. Tra i nomi citati ci sono Puerto Vallarta, situata nella costa orientale dall'Oceano Pacifico, è interessante in quanto è una “galleria d’arte con artisti nazionali ed internazionali”, San Josè del Cabo, “è molto antica, tra siti archeologici e natura, deserto e oceano”.
Sulla costa pacifica c’è l’isola di Revillagigedo, un arcipelago di origine vulcanica. Sono adatte allo snorkelling, mentre in Baja California si possono visitare i vigneti e allo stesso tempo vivere un’esperienza interattiva , assistendo a come si fa il vino. In risposta alle esigenze del turista di oggi che “vuole far parte della tradizione e della popolazione locale”. Tra i nomi c’è anche Huatulco, per le sue tante baie e i siti archeologici.                       



Stefania Vicini

TAGS

COMMENTA

Ultime News

Guarda tutte
Registrati

Follow Us