EDITORIA - EVENTI - SERVIZI  DAL 1972 AL SERVIZIO DEL TURISMO PROFESSIONALE

 
HOME > Magazine - Economia

In piena ascesa il turismo nelle città d’arte

01/05/2017 - numero Edizione 1525

Il rapporto del settore prodotto da Confesercenti e Assoturismo 

Abbiamo avuto 402 milioni di presenze in Italia lo scorso anno, di cui il 50,4% di italiani e il 49,6% stranieri; i turisti si sono fermati in media 3,5 notti occupando 4,9 milioni di posti letto, di cui oltre la metà nel settore extralberghiero (54%).
Parte da questa fotografia Istat la ricerca di Confesercenti e Assoturismo in occasione della 21° Borsa del Turismo delle 100 Città d’Arte d’Italia. A presentarla Alessandro Tortelli, direttore Centro Studi Turistici Firenze. “E’ la prima volta che l’Italia supera i 400 milioni di pernottamenti, e in questo le città d’arte hanno un ruolo importante, perché per i mercati stranieri sono il principale attrattore”. “La Borsa delle 100 città d'arte – dichiara Claudio Albonetti, presidente Assoturismo - lancia un messaggio definito, importante, che colpisce l'intimo delle persone, spingendole ad allargare i propri orizzonti, perché non si può parlare di arte minore in un Paese da 95.000 chiese monumentali, 40.000 castelli, 50 siti Unesco: 2500 anni distoria non possono essere considerati minori”.

La crescita
“La crescita media annua del turismo nelle città d’arte è del 3%, ma con essa cresce anche l’offerta ricettiva, a testimonianza di un dinamismo imprenditoriale notevole, soprattutto per la ricettività extralberghiera”, afferma Tortelli. Su 37.000 esercizi ricettivi, ben 31.600 sono extralberghieri nelle città d’arte, esprimendo il 49,9% di posti letto, occupati per il 60,7% da turisti stranieri.
Dal 2010 il turismo nelle città d’arte è cresciuto del 18,8% negli arrivi e del 18% nelle presenze, e la ricettività è incrementata del 46% (contro un +12% nel totale Italia) maturando 12.000 esercizi in più. “La linea di crescita dei flussi e dei visitatori ai musei è parallela”, dice Tortelli.
Al top Matera, che negli ultimi 6 anni è cresciuta del 152%, e Verona al +44,7%, insieme a Padova (+44,9%). In flessione Perugia, che segna un -4,6%.
Un andamento confermato, se si analizza il trend 2016, dove Verona è protagonista assoluta, con una crescita del 18,3%. Stesso trend per i visitatori di musei e aree archeologiche, che crescono di 8,2 milioni, maturando un fatturato di 175 milioni di euro, in ascesa del 67% sul 2010.

La spesa
Il 36,7% della spesa complessiva sostenuta dai turisti stranieri in Italia è nelle città d’arte e ha un giro di affari da 13 milioni di euro. Inoltre, il turista culturale spende in media il 22% in più al giorno di un turista generico, ovvero circa 129 euro invece che 106.
“Nella ricerca – spiega Tortelli – si evidenzia un impatto positivo delle domeniche al museo, che hanno costituito un’importante promozione, maturando un interesse che ha stimolato ancora di più la commercializzazione, creando nuova domanda”.                  



Letizia Strambi

TAGS

COMMENTA

Ultime News

Guarda tutte
Registrati

Follow Us