EDITORIA - EVENTI - SERVIZI  DAL 1972 AL SERVIZIO DEL TURISMO PROFESSIONALE

 
HOME > Magazine - Paesi al microscopio - Oceano Indiano

Mauritius: Italia mercato chiave

01/10/2018 - numero Edizione 1555

Italia mercato chiave per Mauritius, protagonista storico della offerta sull’Oceano Indiano. Stando ai dati dell’ente del Turismo-Mtpa, da gennaio ad agosto 2018 sono stati 21.135  gli arrivi dall’Italia. Nel 2017, il nostro Paese si è confermato al 9° posto a livello mondiale e al 5° nel panorama europeo, registrando un totale di 35.101 turisti italiani in arrivo a Mauritius, cioè il 12% in più rispetto all’anno 2016. Un incremento si attende anche a chiusura 2018 visto che dal 28 ottobre partirà il volo diretto di Alitalia. In occasione dell’annuncio al trade Arvind Bundhun, direttore Mtpa aveva detto a Guida Viaggi: “Con il volo Alitalia ci saranno sul mercato 16.000 seats da ottobre a marzo. Ci si aspetta una crescita a due cifre anche quest’anno”.
Intanto la destinazione, che a livello globale attende una crescita del 5% dei visitatori, diversifica l’offerta con una maggiore attenzione anche ad altri segmenti di mercato:  le famiglie, per esempio e le crociere. Nel 2019 è prevista l’apertura di un nuovo terminal a Port Louis, per un investimento di 700 milioni di rupie mauriziane.

Un impegno giustificato dai numeri del segmento, passato da 23.000 a 40.000 turisti all’anno. Si guarda però anche ai viaggiatori indipendenti. Una novità, perché il Paese si è proposto per anni sul mercato soprattutto per i soggiorni mare e gli splendidi resort. Ora si punta anche ai boutique hotel e ai viaggiatori curiosi in cerca di esperienze. Il Paese ha un focus maggiore sull’entroterra: “Non siamo le Maldive, solo mare e spiagge, abbiamo molto anche nell’entroterra, tante attività da fare, sport e attività culturali legate ai festival e alla nostra diversità culturale” ha detto il direttore Mtpa. In effetti il calendario dei prossimi mesi è molto ricco e include tra gli altri dal 17 al 26 novembre il Festival International Kreol giunto alla sua 13° edizione, la più importante celebrazione della cultura creola mauriziana per conoscere l’anima più autentica dell’isola. In questa occasione il ministero del Turismo lancerà un contest per un nuovo logo per la destinazione. Il festival prevede degustazioni di specialità locali, la tipica musica Sega, spettacoli di danza, letture di poesie e altre iniziative in diverse location dell’isola come spiagge e parchi. Mauritius si accende di colori anche in occasione delle celebrazioni per il Diwali, antica festività hindu che si svolge dal 7 novembre per una settimana, nota anche come “festa delle luci”. Una occasione unica per vivere le tradizioni della comunità indiana mauriziana. “Il multiculturalismo per noi è una grande ricchezza e lo è ancora di più per i turisti che vengono da noi, che hanno così tante diverse opportunità di conoscere il nostro splendido paese” ha detto ancora Bundhun.                                  

 



Alessandra Gesuelli

TAGS

COMMENTA

Ultime News

Guarda tutte