EDITORIA - EVENTI - SERVIZI  DAL 1972 AL SERVIZIO DEL TURISMO PROFESSIONALE

 
HOME > Magazine - Focus

Le mosse di Veneto, Marche e Toscana

25/02/2019 - numero Edizione 1564

Innovazione del prodotto e del processo, trasversalità del settore, accoglienza diffusa: sono i tre elementi cardine del nuovo Piano Strategico del Turismo del Veneto, approvato nei mesi scorsi dal Consiglio regionale del Veneto. Uno strumento normativo che è, nelle parole dell’assessore al turismo Federico Caner, “la conclusione di un percorso che abbiamo fatto accogliendo tanti preziosi ‘compagni di viaggio, le cui idee, proposte e valutazioni hanno contribuito ad arricchire questo strumento”. E nei giorni scorsi la regione ha presentato il nuovo portale turistico all’indirizzo veneto. eu.  “Abbiamo voluto un sito che fosse innovativo. L’idea di fondo è quella che al turista non debbano restare dubbi e possa essere informato”, ha commentato il presidente della Regione Luca Zaia.
“Vi sono contenuti nuovi - ha specificato l’assessore Federico Caner -, è un sito responsive e sarà fatto in otto lingue. Al suo interno avrà inoltre dei mini-siti”.
Uno strumento che mira a offrire anche a chi non viaggia organizzato la possibilità di costruire un itinerario e di prenotare.
I vari uffici delle Iat, 76 sul territorio, possono inserire informazioni, così come le strutture ricettive regolari e riconosciute.

Marche, internazionalizzazione e investimenti
Un’idea di sinergia e collaborazione è quella trasmessa da Gino Sabatini, presidente della Camera di Commercio delle Marche, nata dall’aggregazione tra i cinque enti camerali provinciali. “Stiamo lavorando e abbiamo pensato che questa Camera di Commercio – ha dichiarato Sabatini - deve essere al fianco degli imprenditori. Faremo meno eventi, ma saremo presenti alle fiere, puntando su internazionalizzazione e investimenti. Dobbiamo mettere energie e fare sistema con la Regione Marche per diventare un modello”. Prende esempio da Netflix per dire che così come in quella piattaforma ci sono tutti i film che vogliamo, “noi dovremo creare una piattaforma in grado di valorizzare tutti gli asset turistici delle Marche, grazie a un sistema forte delle Camere di Commercio, creando pacchetti one-to-one”. La regione sta intanto lavorando sul fronte dell’internazionalizzazione per istituire una rotta sulla Cina. Replica Massimiliano Polacco, direttore Confcommercio Marche: “L’azione principale è quella di lavorare sulle imprese, che potranno trascinare l’avvio dell’economia regionale”. Tra i mercati focus per la provenienza turistica: Europa centrale, Russia e Francia.

Nuovo brand per la Toscana
Cambio di immagine per la Toscana, che ha un nuovo brand e si chiama Costa Toscana – Isole Toscane. E’ stato messo a punto da Toscana Promozione Turistica.
Nasce dall’idea di rivisitare il concept della vacanza sul proprio territorio costiero, per proporre ai turisti un’offerta in grado di rispondere alle più attuali motivazioni di viaggio. Si presenta come un progetto innovativo e punta ad incrementare il turismo nell’area costiera e dell’arcipelago. Ruota attorno a 7 prodotti turistici tra bike, cammini, borghi, turismo sportivo e outdoor, enogastronomia, wedding e turismo avventura. Per un totale di 12 ambiti territoriali coinvolti.
“Il progetto Costa Toscana nasce con l’intento di far scoprire ai turisti di tutto il mondo la ricchezza e la bellezza di una costa che per molti è ancora legata alla sola Dolce Vita, ma che invece è in grado di offrire una gamma completa di esperienze - ha sottolineato l'assessore regionale al turismo, Stefano Ciuoffo -. La nostra costa è una parte importante, rappresenta oltre un terzo dei nostri numeri nel turismo, oltre alle città d'arte, alla campagna, ai borghi, alla neve. E' una miniera che cerchiamo di mettere a valore, da qui si può costruire il lavoro degli anni a venire”.  



a cura della redazione

TAGS

COMMENTA

Ultime News

Guarda tutte