EDITORIA - EVENTI - SERVIZI  DAL 1972 AL SERVIZIO DEL TURISMO PROFESSIONALE

 
HOME > Magazine - Focus

Gestionali: un ruolo che si rafforza

27/05/2019 - numero Edizione 1571
La rivoluzione in atto trasforma i sistemi da raccoglitori di informazioni ad attori di primo piano nei flussi organizzativi

Cambiamenti legislativi, nuove modalità di lavoro e di acquisto stanno trasformando il mondo dei gestionali, intesi nel senso più ampio del termine, come Erp, ossia Enterprise resource planning. Lo abbiamo chiesto ai diretti interessati, che confermano il momento di transizione e il ruolo delicato che impone loro questa fase evolutiva. Nuove funzionalità, motori di ricerca aggiornati, tariffe e prodotti sempre più competitivi. E’ l’obiettivo di lavoro del sistema di prenotazione Revolution. Ce ne parla Massimiliano Renzi, direttore commerciale Easy Market. “Il fine del nostro operato è quello di salvaguardare e semplificare lavoro ed oneri delle agenzie di viaggi e adeguare i processi di vendita (online/offline) non solo ai trend del mercato ma anche agli standard delle nuove politiche di regolamentazione”. Il focus aziendale continua ad essere il b2b e, insieme ai partner, Easy Market conta di sviluppare nuove opportunità di business fornendo strumenti di vendita in linea con le esigenze dei viaggiatori. Continuità dei servizi, contenuti strategici e stabilità del sistema sono le priorità della piattaforma. Attualmente l’azienda sta lavorando all'implementazione di significativi aggiornamenti che impatteranno su tutta la piattaforma Revolution. “Ne è un esempio lo Split Ticket del motore voli, il sistema che consente all'agenzia di combinare operativamente la soluzione perfetta alle richieste dei propri clienti”. L’agenzia non visualizzerà più la combinazione di andata e ritorno predefinita dalla compagnia aerea o Gds, ma avrà la possibilità di selezionare, tra le tante “solo andate” e i “solo ritorni”, la combinazione più adatta. Sul tasso di adozione del sistema in agenzia, Renzi commenta: “Ogni anno registriamo una percentuale del 70% di agenzie che utilizzano il nostro sistema  per il loro lavoro quotidiano. Questo è un chiaro riconoscimento di affidabilità”. E sul tema caldo del momento, il protocollo Ndc, Easy Market si sta muovendo in modo trasversale con vettori e Gds per consentire un’importante fruibilità di prodotto. D’altra parte le innovazioni operate sulle piattaforme si basano sempre su un'accurata analisi delle necessità del trade e sui cambiamenti del mercato. L’ultima grande novità del sistema, EasyBox Pro è per l’appunto uno strumento pensato per consentire alle agenzie di creare il pacchetto ideale per i propri clienti, di cui Easy Market, a seguito della validazione, in conformità alla nuova normativa Ue, ne diventa, a tutti gli effetti, l’organizzatore.

Il sistema  delle connessioni  
Per Opentur la definizione di gestionale è riduttiva: “Rivolgendoci anche a grandi tour operator – dichiara il ceo Enzo Ghirardi - abbiamo sempre cercato di fornire prodotti e servizi che coprissero le esigenze informatiche in generale: gestionale, web e booking online, servizi Asp e cloud. I cambiamenti normati e le esigenze del mercato sono per noi obbligo continuo di adeguamento ed ampliamento dei nostri prodotti e servizi. E’ un normale processo di crescita e sviluppo”, aggiunge. Le aree dove, negli ultimi anni, ha lavorato di più, riguardano l'ambito delle integrazioni verso fornitori e sistemi esterni. “Stiamo parlando di fornitori collegati h24 per la visualizzazione delle disponibilità e la prenotazione diretta di hotel, auto, escursioni, transfer; Gds per la visualizzazione di disponibilità e prenotazione di voli; channel manager per l'acquisizione automatica da parte degli hotel di tariffe e disponibilità”. E’ tutto un mondo di integrazioni, con i distributori di prodotto per la vendita dei servizi dei clienti e di soggetti esterni per l'importazione di prenotazioni effettuate su altri sistemi. C’è poi il tema del collegamento con partner specializzati nell'archiviazione documentale e nel delivery della fatturazione elettronica e “qualsiasi connessione verso l'esterno che possa aiutare i processi di lavorazione dei nostri clienti o la distribuzione e vendita del prodotto è oggetto di analisi e di possibile integrazione”. Sul fronte economico, Ghirardi ammette: “Purtroppo il mercato dei tour operator si sta contraendo e certe acquisizioni all'interno di grossi gruppi che storicamente utilizzano sistemi e strutture informatiche proprie hanno in parte ridotto il nostro parco clienti. Nell'ultimo anno abbiamo però intrapreso nuove iniziative commerciali”. Il ceo spiega che “spesso non è facile far capire al possibile cliente il nostro valore, essendo ormai il mercato invaso da prodotti che abbagliano con effetti speciali, ma che poi risultano fragili, incompleti e poco funzionali e non funzionanti”. Parla di “un periodo non facile per i tour operator ma, come abbiamo fatto da quasi trent'anni, andiamo avanti con convinzione e sempre con la stessa voglia di lavorare e mantenendo il conto economico stabile”. Premettendo che le agenzie non sono il target di Opentur, “il mercato dei tour operator nostri clienti – commenta - utilizza al 100% quello che facciamo perché sono richieste che arrivano direttamente da loro”. Ma cosa richiede oggi il trade? “Un contatto diretto, molto personalizzato, con dimostrazioni effettuate in diverse giornate – replica il ceo -, uno scambio di informazioni e di conoscenze reciproche che oltre a definire se prodotti ed esigenze si incontrano, permette di conoscersi a fondo”. L’offerta commerciale di Opentur arriva fino a proposte che seguono le stagionalità del cliente e sono legate al fatturato.  Di forti mutamenti di mercato parla Roberto Di Leo, fondatore di eMinds: “ll gestionale, non inteso come sistema contabile, ma come Erp (Enterprise resource planning) sta subendo forti mutamenti legati alla rivoluzione in corso sia a causa del cambio delle abitudini dei clienti, sia a causa dei nuovi modelli organizzativi aziendali. Non è più un mero raccoglitore di informazioni, ma è parte integrante dei flussi organizzativi”. La scelta della sua azienda è stata quella - da ormai 10 anni – di specializzarsi sul lungo raggio. “Crediamo fermamente che su questa fascia di mercato l'aspetto consulenziale del tour operator venga esaltato”, rileva. Attualmente eMinds sta esplorando diversi fronti tecnologici. Recomender System: ha l'obiettivo di supportare gli operatori di booking nel processo di consulenza, andando ad individuare e suggerire una serie di esperienze compatibili con il profilo del cliente; User Experience: le modalità con cui gli utenti interagiscono con la tecnologia sono cambiati, si tende sempre più ad usare il linguaggio naturale piuttosto che compilare maschere e per questo l’azienda guidata da Di Leo sta sperimentando  nuove forme di interazione vocali (Amazon Alexa) e chat (Whatsapp). EMinds registra una crescita costante e graduale, soprattutto legata al suo profilo "imprenditoriale" e lo scorso anno ha raggiunto un incremento di fatturato del 10%. Il prodotto che eMinds ha lanciato di recente è il modulo di gestione dei contratti diretti. “Attraverso questo tool tutti i nostri clienti possono agevolmente rendere disponibile sulle nostre piattaforme tutti i loro contratti. E' la sintesi di tre anni di lavoro – osserva - partita analizzando lo stato dell'arte nel mercato, individuando limiti e lacune delle attuali soluzioni e sviluppando un nuovo concetto in grado di rendere il prodotto unico”. Inoltre, per alcuni prodotti eMinds è passato da un modello basato su licenza ad un modello PayPerUse.

Nuove disposizioni
“E’ stato un anno non facile quello appena trascorso per il settore turismo – ammette Marco Montagni, responsabile commerciale e di prodotto di Zucchetti -. Ha portato con sé molte novità sia da un punto di vista legislativo sia organizzativo. Cambiamenti che hanno avuto un impatto notevole sull’attività di adv e t.o”. Pci Dss, con l’adeguamento degli standard sancito da Iata; Gdpr, con l’applicazione della nuova normativa sulla privacy; nuova normativa sui pacchetti turistici e nuovi contratti di viaggio; non ultimo la fatturazione elettronica. “Come Zucchetti Systema – spiega Montagni – non ci siamo limitati a un semplice adeguamento della nostra applicazione gestionale eAgency alle nuove disposizioni, ma abbiamo introdotto ulteriori funzionalità utili alla completa digitalizzazione dei processi e alla dematerializzazione dell’intero ciclo documentale”. Il 2018 di Zucchetti è stato caratterizzato dall’acquisizione di nuovi progetti in ambito t.o. e business travel, con un notevole incremento di queste aree di business. L’ultimo anno per il Gruppo Zucchetti ha sancito “una crescita eccezionale: il fatturato ha superato i 650 milioni di euro e oltre 350.000 clienti utilizzano le soluzioni Zucchetti. Ci sono oltre 4.700 persone che lavorano per il gruppo e i business partner in Italia e nel mondo risultano più di 1.500”. Particolare successo hanno registrato le linee di business relative alle applicazioni gestionali, comprese le soluzioni Erp dedicate ai settori del turismo e al mondo Horeca. Rispetto al 2017, “Zucchetti Systema – spiega l’azienda - ha fatto registrare un aumento di fatturato di circa il 12%, con un incremento delle vendite delle soluzioni eAgency e Infinity sia a volume che a valore”. Per quanto riguarda le nuove funzionalità, il manager ricorda, in ambito business travel, Infinity Trm (Travel Request Management) basata sulla nuova release 4.0 della suite Infinity Zucchetti.   Un’applicazione completamente rivista dal punto di vista grafico e di usabilità oltre che arricchita. “Il lavoro di integrazione di eAgency con Infinity 4.0 – sottolinea Montagni - ha riguardato anche altre aree: collaboration, documentale, conservazione sostitutiva, amministrazione, finanza e controllo di gestione, business intelligence/analytics. Grazie a questa nuova offerta abbiamo chiuso un importante contratto di fornitura con un affermato t.o. a livello nazionale, sia per la migrazione del loro ormai obsoleto sistema informativo alla nostra piattaforma applicativa, che per lo sviluppo delle integrazioni con il booking online proprietario”.  
Il 2019 vede Zucchetti all’opera con le sfide lanciate lo scorso anno: “La rivoluzione digitale deve ora diventare realtà ed entrare nella quotidianità di tutte le aziende. Come gruppo, saremo impegnati non solo nel miglioramento delle funzionalità dei prodotti esistenti, ma soprattutto nell’ampliamento dell’offerta con soluzioni di ultima generazione in ottica turismo 4.0”.   Intanto nella nuova sede il gruppo ha organizzato nel 2018 diversi eventi: oltre 500 partecipanti nelle 7 edizioni dei seminari formativi sulla fatturazione elettronica tra privati ed è stata intensificata l’attività dei corsi di formazione sul gestionale eAgency, arrivando a 21 edizioni nello scorso anno.                          



Laura Dominici

TAGS

COMMENTA

Ultime News

Guarda tutte