EDITORIA - EVENTI - SERVIZI  DAL 1972 AL SERVIZIO DEL TURISMO PROFESSIONALE

 
HOME > Magazine - Zoom - Mediterraneo

Notizie dagli operatori

08/07/2019 - numero Edizione 1574

Baleari al top per Volagratis

Le Baleari (35% sul totale prenotazioni) con Maiorca, Ibiza, Minorca e Formentera così poste in classifica, segue la Grecia (28%, in crescita rispetto al 2018) con Rodi, Creta e Santorini sul podio; per quanto riguarda l'Italia, Sicilia e Sardegna si confermano le scelte più quotate anche quest'anno (16%) dai nostri connazionali. E’ la fotografia di Volagratis sul Mediterraneo. Ma qual è la tipologia di soggiorno più venduta? “L’hotel - risponde Laura Risi, category manager, hotels & dynamic packages lastminute.com group -, con il 65% sul totale delle prenotazioni per il Mediterraneo, seguita dagli appartamenti (18%)”. La manager segnala, inoltre, che “la differenza più eclatante rispetto al 2018 è nello star rating della tipologia di accomodation - afferma Risi -: nel 2019 è salito lo share degli hotel 4 stelle (40% sul totale delle prenotazioni), seguito dai 3 stelle (35%). Il trend è invertito rispetto al 2018, dove a dominare erano i 3 stelle. Altra novità si registra nella scelta del mese di partenza: anche se agosto rimane il più gettonato, luglio, rispetto al 2018, registra un aumento percentuale sostanziale”. Non si assiste, invece, a ritardi nella prenotazione e la durata del soggiorno rimane invariata (una settimana). Sale, invece, lo scontrino medio, del 5,3%.

Msc cresce a doppia cifra

Il Mediterraneo occidentale, cioè gli itinerari che toccano Genova, Napoli, Messina, Malta, Barcellona, Marsiglia: è questo il prodotto best seller in casa Msc Crociere nelle parole di Leonardo Massa, country manager Italia. “Stanno andando bene anche le crociere nell’Adriatico, che includono Venezia e Bari - aggiunge il manager - verso le isole greche”.
In termini di andamento Massa afferma: “E’ stato un ottimo anno, il 2019 sarà da record. Stiamo non solo vedendo prenotazioni per il ‘19-20, ma anche segnali per l’estate del ‘20”. Il tutto sintetizzabile in una “crescita a doppia cifra”. In netto rialzo, tra il 5 e il 10%, il valore medio pratica, aggiunge Massa. Gli italiani sugli itinerari precedentemente citati rappresentano il 30-35% della popolazione navi, conclude il manager.             

Booking: all’estero è in testa Barcellona   

Roma, Milano, Rimini, Firenze, Napoli sul fronte domestico, Barcellona, Parigi, Valencia, Madrid, Siviglia per quanto riguarda l’estero: ecco la top five delle destinazioni più prenotate nel Mediterraneo tra il 1 giugno e il 31 agosto secondo Booking. Per quanto riguarda la scelta dell’accomodation nelle mete straniere, per tutte e cinque le città è in testa l’hotel, mentre per quanto riguarda la durata media del soggiorno c’è differenza tra città e città: a Barcellona è di 4 notti, a Parigi di tre, a Valencia di 4, a Madrid e Siviglia di 3. Non è possibile secondo la Ota fare un raffronto con l’estate 2018 a causa delle cancellazioni e delle prenotazioni last minute. 

Grimaldi, trend positivo

"L'andamento delle prenotazioni per la stagione estiva 2019 è molto positivo ed in linea con gli obiettivi ambiziosi che ci siamo posti”. Questo il commento di Francesca Marino, passenger department manager di Grimaldi Lines sul trend della domanda, con un focus particolare sul Mediterraneo. “La destinazione di punta è sempre la Sardegna - aggiunge ancora la manager -, ma registriamo un andamento in crescita anche sulla linee Spagna e Sicilia. Buoni risultati ci aspettiamo anche dalla Grecia, una meta molto richiesta in estate, ma meno sensibile alle dinamiche dell'early booking”.                           

Agli italiani il Portogallo piace

Ai nostri connazionali piace sempre di più il Portogallo. A testimoniarlo sono i numeri: “Fino al mese di aprile 2019 abbiamo registrato 173mila turisti italiani, con un incremento del 10% rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente - fanno sapere dall’Istituto Nazionale di Statistica e Banca del Portogallo -. Questi numeri rappresentano 428mila pernottamenti, aumentati del 9,7% . Anche i ricavi sono stati in crescita, nell’ordine del 23%”. Di recente il governo portoghese ha lanciato il programma "Revive" per incentivare il rinnovamento e la valorizzazione del suo patrimonio storico e culturale e la sua trasformazione in una risorsa economica per la nazione. Attraverso un sistema di gare d’appalto pubbliche, l’iniziativa apre le proprietà statali a investimenti privati supportati da progetti di recupero e riconversione in poli di interesse turistico. La riqualificazione del patrimonio artistico e immobiliare che rispecchia i valori architettonici, culturali, sociali e ambientali portoghesi è un’altra priorità del programma, supervisionato da una squadra di tecnici composta da rappresentanti del Dipartimento dei Beni Culturali, del Ministero del Tesoro e delle Finanze e dell'Ente di Promozione Turistica del Portogallo, affiancati dalle amministrazioni locali dei comuni in cui si trovano le proprietà.                                   .                                                  



Nicoletta Somma

TAGS

COMMENTA

Ultime News

Guarda tutte