EDITORIA - EVENTI - SERVIZI  DAL 1972 AL SERVIZIO DEL TURISMO PROFESSIONALE

 
HOME > Magazine - Zoom - Mediterraneo

Notizie dagli operatori

08/07/2019 - numero Edizione 1574

La Penisola iberica non teme i competitor

“Si prevede un aumento per quest’estate ed una chiusura dell’anno positiva che non subirà grosse variazioni”. Così si esprime Maite de la Torre, direttrice dell’ente Spagna in Italia, che dalla ripresa dei competitor non sembra intimorita: “Per quanto riguarda i Paesi concorrenti nell’area del Mediterraneo,  Egitto, Tunisia, Turchia e Marrocco, è possibile osservare una notevole crescita di arrivi. Già l’anno passato hanno iniziato a recuperare terreno, ma la Spagna, come lo scorso anno, manterrà stabili le cifre turistiche degli arrivi internazionali”. La Catalogna continua ad essere la principale regione di destinazione dei nostri connazionali; le altre preferenze ricadono prevalentemente sulle Baleari in particolare Ibiza e Formentera, sulle Canarie con, in quest’ordine, Tenerife, Fuerteventura, Gran Canaria e Lanzarote, sull’Andalusia, su Madrid. “Infine - aggiunge la manager - si sta riscontrando una lenta crescita della Spagna del Nord, in particolare la Costa Atlantica conosciuta come España Verde. L'Italia è sempre stata un bacino importante per la Spagna e rappresenta il quarto mercato. Chi si reca oggi nel Paese è un turista curioso che cerca non solo il prodotto balneare, ma soprattutto quello culturale, naturalistico ed attivo, vuole conoscere la gastronomia, viaggia con maggiore frequenza ed ha un potere d’acquisto un po' più elevato rispetto alla media”. Tra le iniziative dell’ente, “un programma di webinar per agenti di viaggio, complementare al nostro campus online che ad oggi conta 416 iscritti, che invitiamo ai nostri eventi”.
È un progetto Turespaña che ha lo scopo di far conoscere ai professionisti del settore la cultura, le regioni e i punti di interesse.         

Turchia a segno più

Trend a segno più per la Turchia: da gennaio ad aprile, infatti, i turisti internazionali che si sono recati nel Paese sono stati 8.735.268 (+12,25%). “I flussi più importanti provengono, in ordine, dalla Germania, Bulgaria e Russia”, afferma Serra Aytun, direttrice dell’Ufficio Cultura e Informazioni dell’Ambasciata di Roma.
Crescono anche i turisti italiani: nei primi 4 mesi del 2019 sono stati infatti più di 92mila, pari ad un incremento del 30%. Le prospettive sono, dunque, positive: “Nei primi mesi del 2019 si registra un aumento constante di turisti in arrivo in Turchia, pari al 30%-40% - prosegue la manager - e stimiamo di chiudere l’anno con una crescita  sempre intorno a un +30%. Nei mesi estivi  si registra sempre il maggiore incremento di italiani in arrivo nel nostro Paese. Se  il trend continua ad aumentare del 30% mensilmente e consideran-do che stiamo entrando nell’alta stagione, prevediamo di chiudere con un incremento superiore al 30% rispetto al 2018”. A fine 2018 si sono avuti 46,1 mln di turisti internazionali, pari ad un introito di 29,5 mld di dollari; entro il 2023 si conta di chiudere con 70 mln di visitatori e un introito di 65 mld di dollari.          

Potenziati i voli per Malta     

“I mercati europei rimangono forti. I nostri bacini principali  sono Uk, Italia, Germania e Francia, in questo ordine di importanza. Detto ciò, le nuove aperture di voli collegano Malta con altri mercati nuovi ed emergenti”. A parlare è Claude Zammit Trevisan, direttore Italia per Malta Tourism Authority, che cita quale esempio in questo senso “il volo di Qatar Airways, giornaliero che collega l’aeroporto internazionale di Malta con Doha. Da esso ci aspettiamo uno sviluppo nei trend in futuro”. E quale l’andamento della domanda tricolore? “Per il mercato italiano è stato un anno di consolidamento”, risponde il direttore. Le previsioni di chiusura estate sono dunque rosee: “Il feeback dai t.o. partner è positivo. Abbiamo  nuovi voli che collegano regioni italiane non coperte in passato, come Genova, Verona, Lamezia Terme, Perugia, e anche Trieste a partire da ottobre -specifica Zammit Trevisan -. Un importante potenziamento della rete di collegamenti diretti dall'Italia per Malta”. Ma quali sono le aree del Paese che riscuotono maggior successo quest'estate da parte dei nostri connazionali e quale la tipologia di vacanza più richiesta? “Sliema e St Julians rimangono aree amate dagli italiani, in particolare giovani. Il Nord è prediletto per la prossimità alle spiagge ed è particolarmente adatto alle famiglie con bambini piccoli e a chi desidera una vacanza di puro relax. Cresce la visibilità di Gozo: rappresenta, infatti, la possibilità di fare una vacanza nella vacanza, consigliata per chi fa un soggiorno lungo a Malta e desidera staccare con 2/3 notti”. In termini di iniziative per le adv, il manager annuncia: “Stiamo lavorando su un restyling del nostro sito di formazione per gli agenti destinazione-malta.it. A dicembre è prevista la pubblicazione di 3 nuovi video training, realizzati sempre con il nostro stile casual e brillante. Il nuovo look del sito inoltre sarà sviluppato per andare sempre più incontro alle esigenze degli adv”.                       



Nicoletta Somma

TAGS

COMMENTA

Ultime News

Guarda tutte
Registrati

Follow Us